martedì 17 settembre 2019
Logo Identità Insorgenti

CASO KOULIBALY

La risposta del Napoli al ricorso respinto: “Persa una grande occasione”

Razzismo, Sport | 18 Gennaio 2019

Questo pomeriggio, la Corte d’Appello della F.I.G.C ha rigettato il ricorso presentato dal Napoli per la riduzione della squalifica, di due giornate, inflitta a Kalidou Koulibaly, espulso nel discusso match di San Siro, contro l’Inter, dello scorso 26 dicembre.

Espulsione che, ricordiamo, fu causata da un ironico applauso indirizzato al direttore di gara, Mazzoleni, dal centrale difensivo senegalese, preso di mira per oltre 80 minuti dagli ululuati razzisti e dagli insulti di gran parte della tifoseria nerazzurra presente sugli spalti.

Pochi minuti fa, è arrivata la dura e decisa replica del club azzurro alla decisione dei giudici della Federcalcio, tramite un comunicato ufficiale firmato dal Responsabile della Comunicazione della SSC Napoli, Nicola Lombardo.

Ve lo riportiamo integralmente:

“Si sono chiusi oggi, con la sentenza di rigetto del ricorso contro la squalifica di Koulibaly, 23 giorni, a partire da Inter-Napoli, che possiamo definire straordinari.

Il rigetto del nostro ricorso è una grave sconfitta per il calcio, ma anche per quello che è l’aspetto più ampio che questa vicenda ha sollevato: la lotta contro le discriminazioni, di ogni tipo, che continuano a essere presenti nel calcio e nella nostra società.

E’ stata umiliata una battaglia che l’Uefa porta avanti da molti anni e che il Napoli ha sempre sostenuto. Ma la sconfitta è anche verso coloro che, sbagliando, hanno sostenuto che negli stadi non ci sia razzismo, e che a urlare il loro disprezzo verso neri, napoletani, ebrei siano solo pochi.

Sono stati giorni straordinari perché, partendo da San Siro, ci sono state irregolarità, incomprensioni, assurdità, talmente gravi e grossolane, da non poter passare inosservate.

Migliaia di persone (7.400 per i rappresentanti della procura federale in campo) hanno insultato Koulibaly perché nero; gli insulti sono stati frequenti anche verso i napoletani, con cori definiti da tutti (tranne pochi, molto pochi) come insulti razzisti, tanto da entrare nei protocolli che impongono l’interruzione temporanea della partita in casi di questo tipo.

Koulibaly che chiede a Mazzoleni di interrompere e l’arbitro che gli dice ‘con te non parlo’, contravvenendo a cio’ che il suo designatore, Rizzoli, aveva detto a noi in una recente riunione a Milano tra arbitri e allenatori, e cioè che la richiesta di interrompere la partita poteva arrivare dal capitano o dal diretto interessato, in questo caso Koulibaly.

L’UEFA e la FIFA che condannano quanto avvenuto, dicendo che i protocolli non sono stati rispettati e che la partita andava interrotta.

Personalità di ogni tipo, sindaci, artisti, uomini di cultura, colleghi di Koulibaly  e di Ancelotti (che porta avanti una battaglia di civiltà dicendo che quello che avviene in Italia in questo senso è da condannare) a dare la loro solidarietà e a esprimere il loro sdegno.

Raramente in Italia si è vista una condanna così unanime anche a livello sociale.

E poi il ricorso, giudici che dicono di essere assolutamente consapevoli di quanto è successo, di stare dalla parte di Koulibaly come uomo, che lo incitano a non mollare e a non sentirsi solo, come lui, in un discorso di rara umanità e sincerità, dice di essersi sentito quella sera. Un uomo che ha detto ai giudici quale sia stato il suo imbarazzo nel dover raccontare ai genitori e in particolare alla madre, cosa fosse successo.

E poi, la straordinarietà degli eventi, arriva con la sentenza di rigetto. Come se qualche procedura regolamentare non potesse fare l’unica cosa che andava fatta: ridare a Kalidou Koulibaly la dignità che merita un ragazzo del Senegal che rappresenta, per quello che è successo, tutto il male e tutto il bene di quanto sta accadendo in Italia.

Koulibaly, il calcio, le istituzioni, tutti escono umiliati da questa vicenda. Togliere la squalifica a Koulibaly andava fatto a prescindere dai regolamenti, dalla burocrazia. Il calcio in questo modo muore.

Perché il calcio è prima di ogni cosa passione, una passione che unisce miliardi di persone nel Mondo, e che non può essere derisa in questo modo.

Questa sera si è persa una grande occasione. Abbiamo purtroppo avuto la conferma che molto c’è da fare e molto da cambiare”.

Un articolo di Antonio Guarino pubblicato il 18 Gennaio 2019 e modificato l'ultima volta il 18 Gennaio 2019

Articoli correlati

Cinema | 17 Settembre 2019

IL DOCUMENTARIO

Il Maradona di Kapadia: ribelle, disonesto, eroe, Dio

Sport | 14 Settembre 2019

IL TAGLIO DEL NASTRO

Doppio Mertens stende la Sampdoria, il Napoli bagna con i tre punti la prima nel nuovo San Paolo

Sport | 1 Settembre 2019

PAZZO NAPOLI

Da 0-3 a 3-3 in casa della Juventus: uno sfortunato autogol di Koulibaly al 92° decide la gara a favore dei bianconeri

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi