lunedì 21 ottobre 2019
Logo Identità Insorgenti

CENTRO POLIFUNZIONALE

Il 20 ottobre l’assemblea del Comitato Soccavo per la costruzione partecipata dei bandi

Altri Sud, Attualità, Cultura, Periferie | 9 Ottobre 2015

comitato soccavo

ll Comitato Soccavo, che da anni si batte contro l’abbandono delle periferie, ha svolto, tra le altre attività, sin dal 2011, un lavoro di inchiesta e denuncia riguardo l’inutilizzo e i meccanismi di gestione clientelare degli spazi del Polifunzionale di Soccavo, con la campagna “Riprendiamoci il Polifunzionale”.


Nell’ambito di questa vertenza, abbiamo svolto diverse azioni di denuncia, tra le quali un’occupazione simbolica di due giorni della sala consiliare il 16 e il 17 novembre 2012, diverse campagne di sensibilizzazione e di indagine sui bisogni del quartiere che potrebbero trovare spazio al Polifunzionale e, in ultimo, la collaborazione al Festival NaDir insieme ai ragazzi di Officine Periferiche di Pianura, organizzato nell’enorme parcheggio della struttura, che è culminata in un’assemblea pubblica partecipata anche da alcuni esponenti dell’Assessorato e del Comune, incentrata proprio sull’utilizzo di tali risorse e sulle modalità di costruzione dei nuovi progetti all’interno del Polifunzionale, nella quale, è emersa fortemente l’esigenza di garantire luoghi in cui i giovani possano esprimere le loro passioni e soddisfare le proprie esigenze senza cadere nei ricatti del mercato, luoghi che siano capaci di accogliere il costante bisogno di attività e attenzioni di persone che sono, attualmente, abbandonate a se stesse.

Il Comitato ha sottolineato l’importanza di rifuggire le dinamiche clientelari che hanno caratterizzato l’assegnazione degli spazi fino ad oggi, propendendo per una costruzione dal basso dei nuovi progetti, che dovranno rispecchiare appieno le esigenze e i bisogni di chi vive quelle zone e una gestione partecipata degli stessi attraverso la costruzione di un comitato di gestione.

Dopo tutto questo lavoro, sulla spinta del Comitato e di altri soggetti interessati all’utilizzo collettivo della struttura, l’Assessorato competente ha avviato un processo di costruzione partecipata dei bandi.
L’oggetto della consulta saranno la progettazione e i bandi di assegnazione degli spazi del futuro Centro Giovanile costruito nella torre sinistra, costituita da 6 piani circolari di circa 250mq caduno, l’area esterna dell’ultimo piano e altre parti distribuite su più piani, per un totale di circa 6000mq.

Gli spazi presi in considerazione per questa ristruttaruzione e futura gestione collettiva sono solo una parte di questa immensa struttura; per tutti gli spazi per i quali invece non è possibile intervenire con una costruzione partecipata dei progetti e per una gestione collettiva degli stessi, il Comitato propone anche ai soggetti interessati e agli abitanti del territorio tutti, di attivarsi per svolgere una funzione di controllo e di stimolo al cambiamento.

All’incontro, convocato per il 20 ottobre 2015 alle ore 16,30 presso la sala del Consiglio Municipale della IX Municipalità sita all’interno del Polifunzionale stesso, sono invitati a partecipare gli abitanti, le associazioni, i comitati e le realtà di base che lavorano in città e in particolare sul territorio flegreo, per decidere insieme le linee guida del bando e la gestione dei servizi.

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 9 Ottobre 2015 e modificato l'ultima volta il 30 Aprile 2017

Articoli correlati

Altri Sud | 17 Ottobre 2019

ROJAVA

Una guerra assurda, da fermare subito

Altri Sud | 16 Ottobre 2019

ECUADOR

Vince il Popolo: via il decreto benzina!

Altri Sud | 13 Ottobre 2019

ECUADOR

L’aumento del prezzo della benzina spinge il paese sull’orlo di una guerra civile

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi