fbpx
martedì 2 giugno 2020
Logo Identità Insorgenti

CHAMPIONS LEAGUE

Napoli da urlo: il Liverpool campione d’Europa cade (ancora) al San Paolo

Sport | 17 Settembre 2019

Tutto in dieci minuti. Quelli finali, in cui il fiato si fa corto e ogni giocata può essere quella giusta e decisiva. Potevano essere i minuti del Liverpool, lo sono stati del Napoli. Prima Mertens dal dischetto, su rigore procurato con mestiere e arguzia da Callejon. Poi Llorente, subentrato nella ripresa e nuovamente decisivo, come sabato contro la Sampdoria, per mettere in ghiaccio la vittoria finale.

2-0 e tutti a casa, sorridenti e festanti. Il cammino in Champions League non poteva iniziare in modo migliore.

Il Napoli ha battuto i Campioni d’Europa!

Gli ha imposto la legge del San Paolo, il taglione di Fuorigrotta, che accoglie Klopp per la terza volta in carriera e, per la terza volta, lo rispedisce indietro a mani vuote. La speranza, almeno per lui, è che le docce siano state di suo gradimento. Gli Azzurri hanno battuto una squadra mostruosa, composta da marziani che giocano come cyborgs. E l’hanno messa al tappeto grazie ad una coesione formidabile, ad un’organizzazione di gioco perfetta e ad un senso del sacrificio fuori dal comune.

Mario Rui ha giocato la partita migliore da quando veste la maglia del Napoli. ‘Ciro’ Mertens e Callejon ci fanno stropicciare gli occhi come se fosse il loro primo giorno in azzurro. Koulibaly è tornato il muro insormontabile contro cui gli avversari non possono far altro che schiantarsi. Meret è il portiere incisivo e provvidenziale che porta punti e risultati.

Di Lorenzo ha esordito in Champions League con la serenità e la classe di un veterano. E Llorente, che veterano lo è per davvero, ci ha fatto venire le farfalle nello stomaco come solo quegli amori giovanili, intensi e turbolenti, riescono a fare.

Abbiamo battuto i Campioni d’Europa!

Null’altro da aggiungere, tranne che certificare che, quella appena vissuta, sarà ricordata per sempre come una delle serate più belle della nostra vita da Cuori Azzurri.

Forza Napoli.

Sempre.

Antonio Guarino

Un articolo di Antonio Guarino pubblicato il 17 Settembre 2019 e modificato l'ultima volta il 19 Settembre 2019

Articoli correlati

Sport | 25 Maggio 2020

LA PROPOSTA

Netflix e la partita del secolo: sulla Canottieri Napoli, gloria della nostra pallanuoto

Sport | 24 Maggio 2020

QUALE FUTURO

De Laurentiis compie 71 anni: domande e riflessioni sul progetto azzurro nel giorno del suo compleanno

Sport | 22 Maggio 2020

L’ADDIO

Ci lascia Gigi Simoni, l’allenatore gentiluomo: vestì l’azzurro in campo e in panchina

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi