sabato 18 settembre 2021
Logo Identità Insorgenti

Club Napoli Parigi: Partenopei doc, anche sotto la torre Eiffel

Club Napoli nel Mondo | 2 Maggio 2021

Oggi il giro dei club Napoli nel Mondo ci porta a Parigi, dove – manco a dirlo – troviamo tifosi del Napoli.

Andiamo a conoscere uno dei consiglieri del Napoli Club Parigi : Maurizio Rainone, 36 anni dal 2015 anni sotto la Torre Eiffel.

Come molti napoletani separato dalla nostra terra unicamente per problemi di lavoro, arrivato qui come infermiere, ha potuto dare libero sfogo alla sua passione: la cucina. Oggi è apprezzato cuoco in un ristorante italiano nel 17 arr. di Parigi, “la Rosa”.

Sessanta associati tra i napoletani a Parigi

“Il nostro club raccoglie circa 60 associati, Napoletani e non che amano il Napoli e Napoli. L’esperienza NCP nasce nel 2018 sulle ceneri del vecchio club “Paris San Gennar”, mantenendo la stessa presidenza di Sabatino Abagnale e più o meno lo stesso direttivo. Ci proponiamo di essere un punto di riferimento, un faro, per tutti i Napoletani che per un motivo o per un altro arrivano nella “ville lumiere”. Avere una sede propria a Parigi è cosa molto complicata, considerati i costi degli affitti, di conseguenza dobbiamo chiedere ospitalità ai bar o alle brasserie che trasmettono le partite. La sede storica del club è sempre stato un bar italiano, il “Bambolina”, gestito da un caro amico Andrea Conti tifosissimo del Torino e che ha rappresentato un punto di riferimento del club da sempre. Quando purtroppo ha chiuso 3 anni fa abbiamo girovagato un po’, trovando asilo in una nuova sede presso il bar “Le Gamin” che attualmente ci ospita in maniera fissa, o almeno lo faceva prima della pandemia.

Occupare sempre gli stessi posti e altri riti scaramantici dei napoletani a Parigi

La partita la seguiamo tendendo, nei limiti del possibile, di occupare sempre gli stessi posti a sedere e guai a cambiarla. Abbiamo dei cori iniziali che in maniera scaramantica precedono la partita, sempre gli stessi che non cambiano mai. Un bellissimo momento di fraternità è stato in occasione della partita di Champions contro il PSG nel 2018; ci siamo incontrati con altri club Napoli nella “vecchia sede” e dopo delle foto ricordo ci siamo diretti tutti allo stadio. Li, anche se non tutti nello stesso settore, abbiamo assistito ad una partita che difficilmente dimenticheremo noi che viviamo qui a Parigi; una giornata indimenticabile che ha unito ancora di più il club.
La partita, che dominammo, valse solo un pareggio, per una disattenzione della nostra difesa, ma ci regalo’ un orgoglio nei confronti dei parigini per come la affrontammo, dominando in campo e fronteggiando il loro tifo, caldo e focoso, ma sempre amico dei nostri supporter.” Da qualche anno si è infatti instaurata una forte amicizia tra le tifoserie, non di rado i loro capotifosi – il leader è di origine calabrese- sono presenti nella nostra curva B (nda).

Covid e tifo: anche in Francia la pandemia ha stravolto tutto

Nell’ultimo anno in Francia, come nel resto del mondo, la pandemia ha stravolto in peggio la nostra vite, di conseguenza anche quella associativa del club. Nella parte finale della passata stagione sportiva e in tutta questa attuale, eccezion fatto per le prime 4 partite, l’attività si è interrotta a causa dei protocolli e delle disposizioni per contrastare la pandemia. Paradossalmente, anche se il covid ci ha tolto il piacere della partita vista insieme, ha unito e rafforzato i rapporti tra noi associati. “Costretti” a fare di necessità virtù abbiamo condiviso, anche se a distanza, ogni partita, ogni avvenimento e scambiato opinioni durante tutta la settimana attraverso i social e/o con i vari strumenti tecnologici. Ovviamente non vediamo l’ora di rivederci e poter finalmente cantare insieme e sostenere il nostro Napoli.

Con Parigi un rapporto di odio amore

Il rapporto con la città di Parigi è di odio e amore:è la città che ci ha accolto e in molti casi ha permesso di crearci un futuro, ovviamente non sarà mai Napoli che per ogni Napoletano che si rispetti resta inarrivabile sotto tutti i punti di vista. Calcisticamente parlando, il legame con la tifoseria del PSG e la presenza di molti francofoni nel gruppo squadra ha sicuramente sviluppato la conoscenza del Napoli e di Napoli da parte dei parigini e dei francesi più in generale.

Tifosi non solo di calcio ma di Napoli

Tra le tante attività e passioni identitaria del club, seguiamo attentamente lo sport napoletano anche oltre il calcio a 11. La piazza di Napoli è sempre stata una fucina di talenti e realtà sportive chiamate erroneamente “minori”. Quest’anno, in particolare, ci hanno appassionato le vicende del Napoli femminile che speriamo possa raggiungere la salvezza nella massima serie. Il basket che dopo aver riportato la coppa di A2 a Napoli ( e rimesso i gigli Borbonici sullo stemma – nda) speriamo possa regalare la massima serie ad una città da sempre appassionata della palla a spicchi. In ultimo e non per importanza il futsal napoletano ha visto, nella FF Napoli del presidente Perugino la squadra dei record con coppa Italia di A2 conquistata e campionato vinto con relativa promozione in A1 di calcio a 5, senza mai conoscere altro risultato al di fuori della vittoria. Insomma riteniamo importante seguire come club Napoli oltre al MAGICO NAPOLI, quello di cui tutti siamo innamorati, anche quegli sport e quelle squadre che portano la napoletanita’ e l’eccellenza della Napoli sportiva sui palcoscenici nazionali ai massimi livelli.

I progetti solidali del Club Napoli Parigi

Al termine di ogni anno associativo e calcistico, cerchiamo di contribuire ad uno o più progetti solidali legati alla nostra bella Napoli; lo scorso anno, insieme ad altri amici dei club napoli nel mondo abbiamo aderito all’iniziativa della fondazione Cristiano Tosi denominata “Aiuta Napoli” che si proponeva di aiutare i figli più deboli della città per strapparli alla criminalità in un periodo di pandemia dove il disagio è la diseguaglianza è ancora più marcata. Nel passato tante sono state le iniziative sportive o sociali anche in loco che abbiamo promosso o a cui abbiamo partecipato, iniziative che si sono però interrotte a causa della pandemia e che speriamo di riprendere e implementare al più presto.

L’appartenenza ai Club Napoli nel mondo

Un aiuto fondamentale è l’appartenenza al circuito CNM (club Napoli nel mondo) che ci permette di fare rete, creare iniziative, migliorare ogni giorno la gestione dei nostri club e sopratutto sentirsi in una grande comunità .

Vi aspettiamo tutti a Parigi, quando sarà possibile e saremo lieti di accogliervi nella grande famiglia NCP; seguiteci sui nostri canali social. Sempre e comunque forza Napoli, au revoir!

Un articolo di Alberto Petillo pubblicato il 2 Maggio 2021 e modificato l'ultima volta il 30 Maggio 2021
#sulsud  

Articoli correlati

Club Napoli nel Mondo | 30 Maggio 2021

Club Napoli Udine, l’identità di Partenope in Friuli. La rubrica riprende a settembre su sulsud.it

Libri | 23 Maggio 2021

“Sopra le Macerie”, la tenacia degli operai del Mezzogiorno nel libro del Prof. Cimitile

Periferie | 21 Maggio 2021

“Periferia Giovane”: un progetto per i ragazzi della periferia nord di Napoli