fbpx
domenica 31 maggio 2020
Logo Identità Insorgenti

CORONAVIRUS

Consigli contro l’ansia: a Napoli iniziative di psicologi e operatori

Sanità | 17 Marzo 2020

Anche se non siete ansiosi o solitamente stressati, è chiaro che in queste settimane può pesarvi il cambiamento in corso e tutti i dubbi che ne conseguono: il futuro del nostro lavoro, la salute, la lontananza da parenti e amici.
Come sostenuto dallo stesso Istituto Superiore di Sanità e dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, in questo periodo è normale sentirsi tristi, confusi e spaventati. Lo stress e l’ansia, inoltre, non colpiscono solo gli adulti, ma anche i bambini, che possono diventare più agitati, inquieti e insistenti. E’ nostro dovere aiutarli, perché anche loro hanno bisogno di essere rassicurati, di avere spiegazioni riguardo la situazione e di essere ascoltati dagli adulti. Per tutti, poi, è opportuno arginare queste emozioni negative, non dargli spazio nelle nostre menti.

I consigli dell’OMS

Ecco una lista di alcuni semplici rimedi proposti dall’Organizzazione Mondiale della Sanità che possono aiutare:

è normale sentirsi tristi, stressati, confusi o spaventati durante una crisi. Parlare con persone di cui ti fidi ti può aiutare. Contatta gli amici e la famiglia.

Se devi rimanere a casa, mantieni uno stile di vita sano – dieta corretta, sonno, esercizio fisico – e i contatti sociali con i tuoi cari e i tuoi amici via e-mail e telefono.

Non fumare, non bere alcolici o peggio ancora non usare droghe per affrontare le tue emozioni.

Se ti senti sopraffatto dall’angoscia, parla con un operatore sanitario o con un consulente. Raccogli le informazioni che ti possano aiutare a determinare con precisione il rischio in modo da poter prendere precauzioni ragionevoli.

Trova una fonte scientifica attendibile come il sito web dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO) o una istituzione governativa del tuo paese.

Cerca di limitare la preoccupazione e l’agitazione riducendo il tempo che tu e la tua famiglia trascorrete guardando o ascoltando i media che percepisci come sconvolgenti.

Ricorda come in passato hai affrontato le avversità della vita per gestire le tue emozioni durante il momento difficile di questa emergenza.

Il consigli della Società Psicologia dell’Emergenza

in un video di pochi minuti la SIPEM SoS Federazione – Società Italiana Psicologia dell’Emergenza ci dà alcuni utili consigli su come affrontare questi momenti.
Sono molte le emozioni che stiamo provando in questi giorni di #iorestoacasa. Sono emozioni che è normale provare in situazioni di emergenza, è importante conoscerle per non venirne sopraffatti e mettere in pratica alcuni pratici suggerimenti per affrontarle al meglio!

A Napoli aiuto on line e telefonico dai psicologici Arca

L’Associazione A.R.Ca. ha promosso l’avvio di gruppi di Auto Mutuo Aiuto online per tutti coloro che, nella situazione emergenziale da #covid19 , ne sentissero il bisogno.

“Sentiamo l’importanza e l’urgenza di dare ascolto e accoglienza alle emozioni, ai vissuti, ai bisogni che tale condizione può produrre – spiega il gruppo – Due psicologi condurranno i piccoli gruppi (composti da max 5 persone), i cui appuntamenti avverranno a cadenza settimanale. Abbiamo deciso di non stabilire alcun costo del servizio, ogni partecipante può donare un contributo a seconda di quello che sente
Per partecipare o chiedere maggiori info si può inviare una mail a : [email protected]l.com
Oppure chiamando a:
Dott. Nunzio Sisto 3473732738
Dott.ssa Valentina Nappo 3336640822
Dott.ssa Antonella Zaccaro 349094087
Dott.ssa Marta Sisto 3381491058

I’ stò ccà – sportello di counseling telefonico

Anche i personal mental training di Napoli come Virginia Capuano si mettono a disposizione per un aiuto: “Ci sono molti modi per sentirsi vicini…Un’emergenza globale ci obbliga a stare lontani e forse non siamo mai stati più soli di così. Ma esistono molti modi per sentirsi vicini, per continuare (o per cominciare) a fare “comunità”, ad essere, finalmente, completamente umani.

Sicuramente questa epidemia e le conseguenze che sta avendo ed avrà sulla vita di ciascuno di noi ci sta togliendo molto: la libertà di uscire di casa, la serenità di stringere una mano o di abbracciare qualcuno, la speranza rispetto al futuro e tanto altro.

Il senso di vulnerabilità che ognuno di noi sta sperimentando, d’altra parte, ci riporta a una dimensione profondamente Umana, autentica e vera.

È possibile che questa sia la vera occasione celata dietro la crisi: possiamo tornare ad essere Umani in mezzo ad altri Umani.

Siamo un gruppo di counselor, assistenti sociali, psicologi e volontari dell’Associazione di Promozione Sociale NapolinMente, già impegnati da tempo nell’ambito del progetto Personal Mental Training by FunRaising, e crediamo fermamente che dopo il verbo amare, il verbo aiutare sia il più bello del mondo: l’aiuto è un bene relazionale che supera la vicinanza di ognuno donando, sia a chi lo dà che a chi lo riceve, qualcosa di grande che resta, la vita che si consolida, la speranza che si riattiva, la gioia che vince il dolore, la sicurezza che spunta timidamente fino a diventare un nuovo sorriso.

Crediamo che la nostra stessa felicità derivi dalla gioia diffusa.

Noi stessi abbiamo bisogno, in questo momento più che mai, di ritrovare la nostra felicità.

Ed è per questo che abbiamo deciso di renderci disponibili con I’ STÒ CCÀ, un servizio gratuito di counseling telefonico per tutti coloro che sentano il bisogno si essere ascoltati o di ascoltare, di riflettere sul senso di questo periodo, di confrontarsi su ciò che l’emergenza COVID19 toglie…e, magari, su quello che restituisce.

In qualunque modo andrà questa avventura che tutti noi stiamo vivendo, una cosa ci sembra abbastanza chiara: il nostro mondo sarà molto diverso.

Concediamoci la possibilità di cominciare ad immaginarlo e, perché no, di contribuire a ricostruirlo…a partire da noi!”.

In questo caso c’è un numero a cui inviare whatsapp o sms per essere ricontattati: 339 72 13 959

Lucilla Parlato
Un articolo di Lucilla Parlato pubblicato il 17 Marzo 2020 e modificato l'ultima volta il 17 Marzo 2020

Articoli correlati

Sanità | 17 Maggio 2020

COVID-19

I deliri del duo Fontana-Gallera: “C’è un clima anti lombardo”

Sanità | 14 Maggio 2020

GRANDI BLUFF

L’Ospedale Covid della Fiera Milano verso la chiusura: il ‘Modello Lombardia’ fallisce ancora

Sanità | 5 Maggio 2020

IL BILANCIO

Coronavirus: i dati aggiornati del 5 maggio

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi