fbpx
martedì 20 ottobre 2020
Logo Identità Insorgenti

CORONAVIRUS

Cura Codogno per Ariano, blindati anche 4 comuni del salernitano

Attualità | 16 Marzo 2020

Non si abbassa la guardia sulla diffusione del contagio in Campania e arriva dalla Regione una nuova ordinanza. Questa volta al centro del provvedimento c’è la città di Ariano Irpino – con 22mila abitanti è il principale centro demografico della provincia dopo il Capoluogo, Avellino – dove i tamponi hanno permesso di riscontare un numero elevato di casi positivi e si parla già di nuovo focolaio.

L’Irpinia in totale conta 37 contagi e un decesso – un 73enne di Mirabella Eclano, paziente con più patologie, ricoverato nell’Unità di Medicina interna dell’Azienda Ospedaliera Moscati – di questi, 22 sono localizzati nel comune del Tricolle che è stato ufficialmente posto in regime di quarantena.

Le dichiarazioni

«Ho impegnato l’Asl di Avellino – ha dichiarato il Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca – a sviluppare un’attività di monitoraggio e controllo intensa e straordinaria per i prossimi 15 giorni nei comuni vicini. La sensazione che si ha in queste ore, in attesa di una valutazione più puntuale e scientifica sui contagi, è che si stiano scontando due fenomeni. Il primo, è l’inizio di una ricaduta legata all’arrivo dalle aree più contagiate del Nord di migliaia di persone in maniera affrettata e non controllata. La seconda causa è la presenza ancora oggi di comportamenti individuali assolutamente irresponsabili. Come è capitato ad Ariano, e come si è verificato in un paese dell’area a sud della Campania dove i membri di una comunità, dopo aver dato vita a una loro cerimonia, hanno bevuto tutti dallo stesso calice, ritenendo forse di compiere un gesto mistico. E’ necessario in queste ore il massimo di responsabilità e anche il massimo di rigore possibile nei confronti di chi vìola le regole elementari e gli obblighi di legge dettati dalle autorità sanitarie. Questo è un dovere verso i nostri concittadini ed è un atto di rispetto per tutto il personale medico e infermieristico del 118 che è impegnato in un lavoro straordinario da settimane. Non c’è ad oggi alcun motivo di panico. La situazione in Campania rimane sotto controllo al netto di comportamenti irresponsabili e di episodi nazionali francamente evitabili».

L’ordinanza

Nell’ordinanza le misure sono chiare: divieto di allontanamento dal territorio comunale da parte di tutti gli individui presenti, divieto di accesso nel territorio comunale, sospensione delle attività degli uffici pubblici, fatta salva l’erogazione dei servizi essenziali e di pubblica utilità.  L’accesso al comune è consentito solo agli operatori sanitari e socio-sanitari, al personale impegnato dei controlli e nell’assistenza alle attività relative all’emergenza, nonché degli esercenti le cui attività sono consentite sul territorio (oltre che quelle strettamente strumentali alle stesse), con obbligo di dispositivi di protezione individuale. Gli arianesi possono comunque far rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza. In caso di violazione degli obblighi, come si legge dall’Ordinanza, verrà applicato l’articolo 650 del Codice Penale che prevede l’arresto fino a tre mesi o un’ammenda fino a 206 euro.

Il provvedimento rientra nel DPCM del 23 febbraio, applicato per la prima volta al comune di Codogno e successivamente alle zone definite rosse del lodigiano con la chiusura totale dei comuni ritenuti focolaio del Coronavirus.

Quarantena per 4 comuni del Vallo di Diano

Quarantena per quattro Comuni della Provincia di Salerno. Si sono registrati qui altri episodi di irresponsabilità e di mancato rispetto delle disposizioni previste per contenere la diffusione del contagio da Covid-19. I Comuni interessati dalla quarantena e quindi dal divieto di entrata e uscita sono: Sala Consilina, Polla, Atena Lucana e Caggiano (Vallo di Diano).

Lo ha stabilito con un’ordinanza (la n.18 del 15 marzo 2020) il Presidente Vincenzo De Luca, visto l’aumento dei contagi verificatosi in questi Comuni e i rischi persistenti nella zona. Di seguito i casi riscontrati dall’Asl Salerno.

Maria Fioretti

Un articolo di Maria Fioretti pubblicato il 16 Marzo 2020 e modificato l'ultima volta il 16 Marzo 2020

Articoli correlati

Attualità | 18 Ottobre 2020

LA RIFLESSIONE

Covid e lavoro: vicini a quel mondo che cerca di non cadere nel baratro

Attualità | 16 Ottobre 2020

ARZANO

La protesta dei commercianti in una Città abbandonata dalle istituzioni

Attualità | 15 Ottobre 2020

LO STOP

Il testo dell’ordinanza su scuole primarie e secondarie chiuse in Campania fino al 30 ottobre

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi