fbpx
sabato 11 luglio 2020
Logo Identità Insorgenti

CORONAVIRUS

L’ordine dei giornalisti della Lombardia: “Verificate le fonti e niente sensazionalismo”

Media e new media | 27 Febbraio 2020

L’esempio lo dà l’ordine dei giornalisti della Lombardia. Un richiamo all’informazione nella sua home dal titolo eloquente: “”Emergenza coronavirus”, il richiamo dell’Ordine giornalisti Lombardia: verifica delle fonti, rifiuto del sensazionalismo, rispetto della dignità dei malati, linguaggio appropriato e continenza dei titoli”.

Vi si legge: L’emergenza nazionale e internazionale provocata dal Covid-19/Coronavirus ha purtroppo determinato nelle ultime settimane gravi anomalie anche nel sistema dell’informazione, al netto dell’imponente, puntuale e coraggioso lavoro svolto da decine di cronisti.

Il Consiglio dell’Ordine dei giornalisti della Lombardia non può esimersi dal richiamare direttori, vicedirettori capiredattori e i singoli colleghi allo scrupoloso e attento rispetto dei doveri deontologici imposti dalla legge e dalle Carte deontologiche in materia sanitaria, in particolare:

1) al rispetto dei diritti e della dignità delle persone malate
2) a evitare un sensazionalismo che potrebbe far sorgere timori o speranze infondate
3) a diffondere notizie sanitarie solo se verificate con autorevoli fonti scientifiche

Il Consiglio, nella consapevolezza che questa emergenza più ancora di altre mette in gioco la credibilità della professione, sta raccogliendo da giorni decine di segnalazioni di uso inappropriato, e cioè deontologicamente censurabile, di titolazioni, argomentazioni e commenti che, oltrepassando il limite della lealtà intellettuale, della continenza espressiva e prima ancora della verità fattuale (reale o putativa, secondo i parametri deontologici di riconoscimento della seconda) avrebbero contribuito a deformare la percezione dei fatti e dei pericoli da parte della collettività dei lettori.

La procedibilità su tali ipotesi di illecito disciplinare, come noto, dal 2013 spetta al Consiglio di disciplina territoriale che applica per legge i principi del giusto processo amministrativo, a cominciare dal contraddittorio e dal diritto di difesa tecnica”.

Muto invece l’ordine della Campania, dove pure la stampa non sta dando il migliore degli spettacoli, con titoli allarmistici, non verificati e sensazionalistici.

Invece sarebbe il caso di ricordare a tutti che mai come in questo momento la stampa ha responsabilità enormi e dunque seguire le regole basilari non è un optional. O almeno non dovrebbe esserlo!

Un articolo di Lucilla Parlato pubblicato il 27 Febbraio 2020 e modificato l'ultima volta il 27 Febbraio 2020

Articoli correlati

Media e new media | 27 Giugno 2020

LE DIMISSIONI

Caro Feltri, stai tranquillo: per noi giornalista non lo sei mai stato

Media e new media | 20 Giugno 2020

LA RIVISTA

Il numero di giugno di Questione Meridionale

Media e new media | 16 Giugno 2020

STRAFALCIONI SOCIAL

Qualcuno liberi il Social Media Manager di Gesac-Aereoporto di Capodichino

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi