lunedì 14 giugno 2021
Logo Identità Insorgenti

De Luca: “Entro luglio la città di Napoli sarà immunizzata”

Attualità | 7 Maggio 2021

Discorso del 7 maggio 2021

Il bilancio della settimana, a iniziare dalle isole covid free

 

E’ stata una settimana con soddisfazioni e elementi che meritano chiarimento. Abbiamo superato 2 milioni di vaccini in Campania, 50mila vaccinazioni ieri in una giornata, abbiamo raggiunto con la prima vaccinazione 100 per 100 ultraottantenni, 80 per cento di quelli non deambulanti. Risultato migliore di Italia per ultraottantenni nonostante 200mila dosi di vaccino in meno.

Procida è covid free, domani presentiamo Capri covid free, Ischia si sta completando, si finirà entro due settimane.

Avevamo deciso per promozionare il turismo campano. Qualche mese fa quando lo abbiamo comunicato ci sono state polemiche: prendiamo atto con soddisfazione che oggi sono d’accordo tutti quanti su necessità di immunizzare le isole. Ci fa piacere.

I vaccini al personale per il trasporto

Siamo l’unica regione che ha avviato vaccinazioni a personale per il trasporto, pubbliche e private, inclusi i guidatori di taxi. Siamo l’unica regione nella quale è concretamente partita vaccinazione nelle imprese. Nella prossima settimana vaccineremo nelle zone industriali di Benevento, Caserta etc.

Abbiamo messo in sicurezza fragili e anziani ma anche categorie economiche.

E’ diventata linea comune in tutta Italia quella di privilegiare il comparto turistico, alberghiero e della ristorazione che secondo noi richiedeva decisioni immediate. A quanto pare si sono convinti tutti quanti. Abbiamo dovuto mantenere ferme le nostre scelte nonostante le polemiche e ci sono arrivati tutti alla fine.

La campagna vaccinazioni va avanti in maniera eccellente

La campagna vaccinazioni va avanti in maniera eccellente. Tutti i nostri cittadini possono testimoniare di aver avuto servizi di qualità nel 99 per cento dei casi, con efficienza e cortesia, si arriva con la prenotazione, si aspetta mezz’ora, non più di tre quarti d’ora, si torna a casa. In qualche realtà sembrava di essere in Svizzera per la qualità del servizio: va detto anche per rendere onore al nostro personale che è stremato e che sta offrendo un servizio eccezionale. Li ringrazio a nome di tutti i campani.

Restiamo la regione con meno terapie intensive occupate e la più trasparente

Rimaniamo la regione con meno terapie intensive occupate, con il 21 per cento: il livello più basso anche di persone decedute per covid rispetto al numero di abitanti. E questo testimonia il livello qualitativo della Sanità campana. Ultimo elemento di eccellenza: abbiamo qualità del servizio di informazione regionale più avanzata d’Italia. Basta andare sui siti istituzionali di tutte le regioni italiane. Il nostro è il più completo, dettagliato e trasparente sulle informazioni che si danno ai cittadini.

L’app della Regione sul vaccino è la più scaricata d’Italia.

Potevate immaginarlo solo due anni fa da una regione che usciva da 10 anni di commissariamento con 15mila elementi di personale in meno? Abbiamo dato l’anima per uscire dal commissariamento e strappare oltre un miliardo per l’edilizia ospedaliera per ottenere questi risultati nella regione più difficile d’Italia.

Dopo le isole si procede con altre aree turistiche. Napoli immunizzata entro luglio. Ma mancano ancora vaccini

Dopo le isole procederemo alla Costiera Sorrentina, Amalfitana, Cilentana, sui Campi Flegrei. Campania sicura deve essere la parola d’ordine. Ce la faremo. Entro luglio immunizzeremo la città di Napoli.

Abbiamo ancora 194mila vaccini in meno per la regione Campania. Qualcuno ha fatto finta, in un tentativo di mistificazione, che succede perché siamo la regione più giovane. Ci avevano detto che entro aprile poi avremmo avuto più vaccini, riequilibrando. Ma ad aprile non è successo. Oggi il commissario dice che entro maggio-giugno restituiranno i 200mila vaccini in meno. Se succederà avranno fatto la metà del loro dovere perché hanno prodotto un danno enorme per la Campania con questo ritardo, nella regione con la più alta densità abitativa d’Italia.

E’ arrivato il momento per ripristinare l’uguale diritto dei cittadini italiani ad avere un vaccino: niente di più niente di meno. Non siamo abituati a lamentele, siamo abituati a combattere. Anche grazie a questo c’è stato questo impegno di ridarceli: vedremo.

Chiarimenti su vaccini per ultraottantenni

Altra truffa mediatica è quella sulle percentuali di vaccinazioni ultraottantenni. Siamo prima regione d’Italia: i giornali del nord soprattutto calcolavano tutta la popolazione ultaottantenni. Ma la vaccinazione è facoltativa, è obbligatoria solo per i medici. La percentuale la devi dare sui cittadini che hanno manifestato la volontà di vaccinarsi. Un’altra truffa mediatica. E noi i prenotati li abbiamo vaccinati tutti, il 100 per 100 con la prima dose e siamo all’85 per cento per la seconda. E ci avviciniamo al 100 per 100 per gli ultrasettantenni.

Ancora su Sputinik

Su Sputnik poi aggiungo che il nostro contratto con loro è per un’ulteriore rifornimento di vaccini: se li avessimo avuti avremmo già finito le vaccinazioni in Campania.

Stiamo aspettando ancora Aifa e Ema che si esprimano. Su Spunik Lancet, la rivista più importante, ha parlato del 92 per cento. San Marino ha somministrato Sputnik a tutti e lo Spallanzani lo sta sperimentando.

Più di 60 paesi al mondo utilizzano sputnik, inclusi gli emirati arabi uniti. Non ci pronunziamo su valutazione scientifica ma abbiamo detto al governo di muoversi. Pfizer è stato approvato in 10 giorni. Dico all’Italia, sulla valutazione scientifica: muovetevi.

La verità è che sono state fatte altre valutazioni non scientifiche. Noi siamo pronti, se dovesse esserci valutazioni, in modo tale da aver altri 2 milioni di vaccini per i nostri cittadini e anche per l’Italia intera.

La stampa nazionale non ha parlato del centro covid Atitech

Infine tra le cose bizzarre registrate questa settimana c’è stata distrazione da parte degli organi di stampa. L’abitudine storica è dedicare attenzione alla Campania solo quando si tratta di camorra. Ma quando hai una regione che presenta eccellenze in campo dei vaccini e medico si stende una cortina di silenzio, una censura mediatica. Bene così.

Qualche volta la cosa però diventa irritante. Domenica scorsa c’è stato un evento identico alle porte di Roma e alle porte di Napoli. Gli organi di informazione nazionale ci hanno informato che si apriva alle porte di Roma un centro vaccinale: ci hanno fatto persino fatto vedere le orme degli anfibi del commissario che fa 1000 vaccinazioni al mese.

In contemporanea al Centro Atitech si inaugurava il centro della Regione Campania che fa 10mila vaccini al giorno. Non hanno dato la notizia.

Non pretendo che veniate a riprendere le orme delle mie scarpe normali, ma per lo meno per rispetto per il lavoro di chi lo ha realizzato era corretto dare l’informazione: comunque sia state sereni, noi abbiamo maturato gli anticorpi non solo contro il Covid ma anche contro altre cose. Ma mi voglio mantenere questa volta.

La nostra campagna vaccinazioni? Straordinaria

Allora nonostante tutto e in un clima di come dire discrezione, diciamo così, noi stiamo concludendo una campagna di vaccinazioni davvero straordinaria, avendo anticipato scelte fatte proprie da tutti quanti. Ci vuole un po’ di coraggio a decidere. Noi l’abbiamo fatto e continueremo sulla nostra linea. Raggiungeremo tutti gli obiettivi quando ci ridaranno i vaccini che ci hanno tolto. Orgoglio campano per i nostri concittadini e il personale sanitario medico che sta facendo uno sforzo incredibile, unico in Italia, senza il quale non avremmo raggiunto questi obiettivi.

Conclusa la gara per l’elisoccorso e altri progetti sono in corso

Abbiamo concluso finalmente la gara per l’elisoccorso con due elicotteri a disposizione per un servizio 24 ore su 24 a Napoli e Salerno che servono le isole anche quando c’è cattivo tempo garantendo il trasporto sanitario in tempi rapidi in caso di emergenza.

Stiamo lavorando sulle progettazioni dei nuovi ospedali e sulla vita civile della nostra regione.
Abbiamo riconfermato l’impegno finanziario per le vie del mare, l’alta velocità fino al Cilento, a Sapri.

I vaccini per i trasportatori, inclusi i tassisti. Il concorsone e l’appello a Brunetta

Stiamo lavorando ai vaccini con le imprese di trasporto.

Eav l’ha fatta a tutti i dipendenti, ma si procederà sui tassisti con insegna covid free sui taxi.

 

Stiamo lavorando per mandare al lavoro 2000 giovani che hanno partecipato al concorsone. E’ doveroso mandarli al lavoro senza altre perdite di tempo. Di fronte alla carenza personale di centinaia di comuni, rivogo appello al ministro Brunetta e ai parlamentari di andare avanti in questa direzione per i 2000 giovani già formati in tempi immediati.

Abbiamo potenziato sistemi di monitoraggio ambientale della reggia di Carditello con i droni, per la indagine sui corsi idrici.

Sul piano di rilancio dubbi sulla parte che riguarda le riforme

Piano di rilancio: è obiettivamente sul piano potenziale un’occasione straordinaria per la ripresa dell’Italia e per la sua modernizzazione ed è un merito di chi ha strappato queste risorse all’Europa. Non era scontato. Sono tra i 10-15 masochisti che si sono sottoposti alla lettura di questo piano. La parte che riguarda le riforme mi preoccupa.

Il piano prevede, a pagina 92, che per quanto riguarda le politiche degli appalti si presenta un ddl entro il 31 dicembre di quest’anno e poi 9 mesi di tempo per i decreti attuativi. Per quanto riguarda lo snellimento delle procedure ambientali stesso iter, 6 mesi per i decreti.

Caos amministrativo con questa riforma della p.a.

Anche sulla riforma della pubblica amministrazione: si fanno assunzioni ma a tempo determinato, producendo così un doppio risultato di inefficienza. Quando finisce poi norma straordinaria si produce un caos amministrativo. Mi permetto di invitare a riflettere su questi tempi e i problemi che si possono determinare. Bisogna fermare i contenziosi amministrativi sulle opere già appaltate. Potrebbe essere un contributo importante allo snellimento delle procedure. Ci stiamo preparando per investimenti su trasporti come per l’Eav.

Su aperture fino alle 23

Dobbiamo consentire l’apertura fino alle 23 e il deflusso fino alle 23 e 30. Ma ritengo irresponsabile rivedere la movida come l’abbiamo conosciuta in passata. Se dovesse accadere ci giochiamo l’estate e a settembre avremo la terza ondata. Per questo motivo ripeto l’appello ai ragazzi e le ragazze: mascherina fissa sulla bocca, senso di responsabilità, lavaggio delle mani. Se fate feste 30 persone prendete in giro padri, madri e nonni che rischiate di contagiare. Vi prego di essere prudenti e responsabili. Possiamo tornare alla ripresa quasi normale di attività economiche e produttive e alla ripresa quasi normale di relazioni sociali. Il 10 maggio noi avremo finito gli ultracinquantenni, in Italia cominciano il 20 maggio. Siamo davvero un paese distratto.

Andiamo avanti per i fatti nostri, così come stiamo facendo. Un saluto cordiale a voi e alle vostre famiglie.

a cura di Lucilla Parlato

 

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 7 Maggio 2021 e modificato l'ultima volta il 7 Maggio 2021

Articoli correlati

Attualità | 30 Maggio 2021

Identità Insorgenti vi saluta. Ci vediamo a settembre su SulSud.it

Attualità | 14 Maggio 2021

De Luca: “Se non arrivano i vaccini sarà impossibile immunizzare la Campania entro l’estate”

Attualità | 5 Maggio 2021

Ischia, vaccini a pieno ritmo. Entro fine maggio sarà Covid free. E Figliuolo cede alla linea di De Luca