fbpx
sabato 4 aprile 2020
Logo Identità Insorgenti

D’Esposito Manlio: il testo di Anema e Core (1950)

'O Pinnolo | 23 Settembre 2019

Ecco il testo di Anema e core, la canzone di D’Esposito-Manlio (1950).

 

 

Nuje ca perdimmo ‘a pace e ‘o suonno,
nun ce dicimmo maje pecché?
Vocche ca vase nun ne vonno,
nun só’ sti vvocche oje né’!
Pure, te chiammo e nun rispunne
pe’ fa dispietto a me
Tenímmoce accussí: anema e core
nun ce lassammo cchiù, manco pe’ n’ora
stu desiderio ‘e te mme fa paura
Campá cu te,
sempe cu te,
pe’ nun murí
Che ce dicimmo a fá parole amare,
si ‘o bbene po’ campá cu nu respiro?
Si smanie pure tu pe’ chist’ammore,
tenímmoce accussí anema e core!
Forse sarrá ca ‘o chianto è doce,
forse sarrá ca bene fa
Quanno mme sento cchiù felice,
nun è felicitá
Specie si ê vvote tu mme dice,
distratta, ‘a veritá
Tenímmoce accussí anema e core!

Un articolo di Lucilla Parlato pubblicato il 23 Settembre 2019 e modificato l'ultima volta il 23 Settembre 2019

Articoli correlati

'O Pinnolo | 20 Gennaio 2020

Napule, tu e io di Antonio de Curtis

'O Pinnolo | 11 Dicembre 2019

Nun me ce trovo: la canzone poesia di Titina De Filippo

'O Pinnolo | 10 Dicembre 2019

‘O culore d’e pparole secondo Eduardo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi