mercoledì 23 ottobre 2019
Logo Identità Insorgenti

Di Giacomo-Costa: Era de Maggio (1885)

'O Pinnolo | 21 Settembre 2019

Ecco il testo di Era de maggio, la canzone di Costa-Di Giacomo (1885).

Era de maggio e te cadeano nzino
a schiocche a schiocche li ccerase rosse,
fresca era ll’aria e tutto lu ciardino
addurava de rose a ciente passe.
Era de maggio; io, no, nun me ne scordo,
na canzona cantàvemo a doie voce;
cchiù tiempo passa e cchiù me n’allicordo,
fresca era ll’aria e la canzona doce.
E diceva: «Core, core!
core mio, luntano vaie
tu me lasse e io conto ll’ore,
chi sa quanno turnarraie!»
Rispunneva io: «Turnarraggio
quanno tornano li rrose,
si stu sciore torna a maggio,
pure a maggio io stonco ccà».
si stu sciore torna a maggio,
pure a maggio io stonco ccà».
E so’ turnato, e mo, comm’a na vota,
cantammo nzieme lu mutivo antico;
passa lu tiempo e lu munno s’avota,
ma ammore vero, no, nun vota vico.
De te, bellezza mia, m’annammuraie,
si t’allicuorde, nnanze a la funtana:
ll’acqua llà dinto nun se secca maie,
e ferita d’ammore nun se sana.
Nun se sana; ca sanata
si se fosse, gioia mia,
mmiezo a st’aria mbarzamata
a guardarte io nu’ starria!
E te dico: «Core, core!
core mio, turnato io so’
torna a maggio e torna ammore,
fa de me chello che buo’!».

Un articolo di Lucilla Parlato pubblicato il 21 Settembre 2019 e modificato l'ultima volta il 23 Settembre 2019

Articoli correlati

'O Pinnolo | 23 Settembre 2019

D’Esposito Manlio: il testo di Anema e Core (1950)

'O Pinnolo | 6 Giugno 2019

‘O PINNOLO

‘O Pallone di Ferdinando Russo

'O Pinnolo | 29 Marzo 2018

LO STRUSCIO DEL GIOVEDI SANTO

La tradizione importata dalla Spagna: oggi si fa il giro delle “Sette chieselle”

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi