mercoledì 20 novembre 2019
Logo Identità Insorgenti

DOPO LA CADUTA

Josi della Ragione: “Non cedo ai ricatti e mi ricandido per Bacoli”. Cittadini in piazza per lui

Battaglie, Diritti e sociale, Giustizia, Identità | 5 Luglio 2016

josi gerardo della ragione

 

Il 4 Luglio resterà una giornata da ricordare, non perché con una orrenda manovra politica hanno fatto decadere Josi Della Ragione, sindaco di Bacoli da appena un anno, ma perché il sindaco uscente ha dato un grande insegnamento a tutti, quello di non mollare e non cedere ai ricatti, rilanciando  la sua ricandidatura.

Quello del quale è stato vittima è stato uno sporco gioco  gestito dalla controparte, esponenti della Destra e 5 suoi ex consiglieri, distaccati in un gruppo a parte definito “Bacoli Libera”, che dando le dimissioni insieme a 4 consiglieri dell’opposizione hanno fatto cadere il sindaco. Della Ragione non si è perso d’animo neanche per un attimo e ha convocato per il pomeriggio un incontro sotto al Comune con i suoi cittadini: sono accorsi in centinaia, sconvolti da quello che stava succedendo. In strada siamo stati fermati da tantissimi cittadini che continuavano a ripeterci che il loro voto sarà ancora per Josi.

“Da stamattina ho rilasciato interviste, ma io non vedevo l’ora di stare con voi, d’incontrare il mio popolo” così inizia il suo discorso Della Ragione, fermato subito da alcune signore anziane che con le lacrime agli occhi gli chiedevano di non andarsene e di restare. “Vi ringrazio per questo attestato di stima nell’essere oggi qua, avevamo più volte tramite il web quello che stava succedendo nel Comune più volte avevamo sottolineano che non avremmo ceduto a compromessi- continua Della Ragione- Non è finita qui, questa è solo la prima parte. Hanno mandato terzi stamattina a presentare l’atto che mi faceva decadere, senza neanche avere il coraggio di presentarsi loro. Credevano di rappresentare il popolo, ma ora il popolo di  Bacoli li chiama traditori. Non ho voluto cedere a nessun dei loro giochi di potere. In questi mesi mi sono chiesto più volte se stavo sbagliando qualcosa, quello che più mi inorgoglisce e che il mio paese si possa sentire fiero del proprio sindaco. I consiglieri comunali sono stati eletti appoggiati dalla mia candidatura, dicevano di voler rappresentare il popolo, che non li ascoltavo e si sono alleati con la Destra. Sappiate bene, il Centro Ittico Campano è il tema sul quale cade questa amministrazione, società che gestisce un quinto del territorio comunale. Li abbiamo messi in liquidazione: perché per pagare i debiti si può fare in due modi, il primo è di vendere i beni comunali, avremmo dovuto svendere i beni del nostro paese ma noi abbiamo detto di ” No”, non si svende nulla. La sttimana prossima avevamo appuntamento dal notaio per firmare l’ atto d’ acquisizione di Cinque Lenze, senza svenderlo, anche per sottrarlo a chi voleva metterci le mani sopra. E stamattina ci hanno fatto cadere. Abbiamo iniziato a far pagare chi non pagava,  abbiamo revocato le concessione date abusivamente ai lidi privati: anche su questo ci hanno fatto cadere, per non dare la spiaggia libera ai bacolesi. Voglio che i 5 miei ex consiglieri che oggi hanno portato alla caduta del mio amministrazione mi facciano solo un favore: si ricandidino alle prossime elezioni con la Destra, perché gli dobbiamo fare far una figura di nulla”.

Sono forti e chiare di Della Ragione, un giovane di 29 anni che non ha paura di mettere in piazza la verità, diventato consigliere di minoranza solo a 21 anni, ha dato tutta la sua giovinezza al suo paese. Siamo sicuri che questo sindaco uscirà dalla porta per poi rientrare dal portone<. per la prima volta assistiamo ad una città che acclama a gran voce il suo nome. Plauso oltre a Josi Della Ragione va fatto anche  al resto del suo gruppo che non lo ha mai lasciato, voglio citarli  perché sono stati loro e saranno ancora la vera grande forza di Josi   Francesca Illiano, Alessandra Sagliocchi, Marco Di Meo, Domenico Mazzella,  Mauro Cucco,  Antonio Della Ragione, Alessandro Parisi  e tutto il restante gruppo di Free Bacoli. Per i prossimi mesi fino alle prossime elezioni, Bacoli verrà commissariata, ma loro già sono pronti a vigilare perché le proposte da loro rimaste in sospeso possano essere attuate. Questo non è un Addio, ma un arrivederci per voler “restare” e difendere la propria terra.

 

Ada Palma

 

 

 

Foto copertina Sabrina Guarino

 

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 5 Luglio 2016 e modificato l'ultima volta il 5 Luglio 2016

Articoli correlati

Battaglie | 27 Ottobre 2019

SALVIAMO SCAMPIA

Sfrattare cooperative e associazioni è un regalo alla camorra

Battaglie | 30 Settembre 2019

IL PEZZULLO DEL GIORNO

Greta e il complottismo dei webeti in un mondo che ha bisogno di eroi (per massacrarli)

Battaglie | 23 Settembre 2019

CALL CENTER IN TILT

Caos a Poste Italiane: invalidate le App per giorni interi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi