fbpx
sabato 30 maggio 2020
Logo Identità Insorgenti

E no caro Cannavacciuolo: l’Expo “goloso come un babà” è un’offesa al babà

Agroalimentare | 21 Agosto 2015

antonino cannavacciolo

“Expo Milano 2015? Piacevole e attraente come un goloso babà alla napoletana”.

Che delusione ascoltare queste parole da Antonino Cannavacciuolo, famoso chef e star di programmi televisivi di successo come “Cucine da incubo”. Proprio lui pronto a bastonare chi non usa nelle proprie cucine cibi freschi e a chilometro zero, che esalta l’esposizione universale dell’alimentazione che ha come sponsor multinazionali quali Coca Cola, McDonald e Nestlè. Lui, tanto legato all’identità, da farne comunque una bandiera nelle sue trasmissioni tv, che ignora che Expo ha celebrato la pizza con prodotti non campani e ha decretato Trieste patria del caffè.

L’altro giorno, accolto dal commissario di Expo Milano Giuseppe Sala, Cannavacciuolo, protagonista a Identità Expo con un menu di sua creazione, che spaziava dai sapori mediterranei sino ai profumi raffinati della tradizione francese, se n’è uscito con l’infelice paragone, levando sapore al Babà napoletano, offendendolo.

Del resto ha accettato di fare da Ambassador di Expo Milano 2015 – ma perché? Perché? – nonostante anche in quest’occasione il cuoco stellato abbia sottolineato nuovamente un suo leit motiv caratterizzante: “Mangiare bene è vita, un aspetto fondamentale delle crescita di ognuno di noi”.

“Un’alimentazione sana e di qualità – ha detto Cannavacciuolo – è imprescindibile, le sensazioni che ti regala un pasto di alto livello non si dimenticano più, ecco perché diventa una priorità diffondere la cultura del buon cibo”. Cannavacciuolo comunque non ha dimenticato di sottolineare la bontà della dieta mediterranea: “Oggi è diventata una specie di moda, ma già 90 anni fa mia nonna cucinava profumi e sapori classici della gastronomia italiana”. Ecco appunto. Pensiamo alla cucina mediterranea, ai sapori di casa nostra. E lasciamo stare i confronti tra Expò e Babà, che ci avvelenano l’anima…

Lucilla Parlato

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 21 Agosto 2015 e modificato l'ultima volta il 21 Agosto 2015

Articoli correlati

Agroalimentare | 9 Maggio 2020

RISTORAZIONE

Le proposte dell’Associazione Pizzaiuoli Napoletani per riaprire

Agroalimentare | 1 Maggio 2020

IL VIDEO

“Io voglio lavorare”: 50 imprenditori di Napoli nella “piazza social”. L’idea è di ‘A figlia d”o Marenaro

Agroalimentare | 29 Aprile 2020

CLASSIFICHE INUTILI

La ripartenza delle pizzerie non è una gara tra chi sforna più pizze

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi