fbpx
sabato 11 luglio 2020
Logo Identità Insorgenti

ETERNO PAPPONE

De Laurentiis e il Cinepanettone su Gomorra: grazie Saviano

Cinema, NapoliCapitale | 5 Maggio 2015

 

de laurentis lillo greg

Nei giorni scorsi è stato annunciato con tanto di squilli di tromba e rulli di tamburo il primo Cinepanettone in 3D ed in IMAX, naturalmente targato Filmauro, leggi Aurelio de Laurentiis.

Protagonisti, al solito come da qualche anno a questa parte, Lillo & Greg. Titolo, soprendente se non nauseante: “Natale a Gomorra – Pallottole & Champagne”. Ambientazione: Napoli e dintorni. Si inizierà a girare quest’estate.

Non bastava, dunque, lo sciacallaggio di Roberto Saviano che su un unico libro di successo ha costruito un impero economico, con un film e due serie tv (e un’infinita quantità di gadget e affini). Adesso sul tema Gomorra arriva anche Don Aurelio, sempre molto bravo a speculare su alcune tematiche, come non bastasse l’insavio nazionale.

Eccolo qua De Laurentiis nella sua forma più pura, quello che pensa che Napoli  vada raccontata così, tra pallottole e Gomorra, per riderci su. Non bastava la speculazione savianesca, ci voleva anche quella del presidente del Napoli Calcio, a rappresentare il peggio di una città raccontata sempre nei suoi aspetti piu oscuri, anche quando si tratta di comicità, perché su quelli è facilissimo speculare.

E questo ovviamente per sfruttare il nome di Gomorra, ormai un brand di successo sulla pelle di coloro che la combattono davvero sul territorio campano la criminalità organizzata. In barba alle donne e le madri della terra dei fuochi, ai ragazzi di Stop Biocidio, al coraggio di Lella Ottaviano, al sacrificio di tanti innocenti.

Ma sì, ridiamoci su Gomorra. Facciamocela una bella risata, regaliamo altri soldi al Pappone e non ci pensiamo più: ormai gli orrori camorristici diventano non solo barzelletta ma tema per rimpinguarsi le tasche grazie al denaro di branchi di pecore.

Evidentemente l’avidità del presidente del Napoli calcio non è mai paga. Scrive Gianfrancesco Turano nel suo bel libro-inchiesta “Calcio e Potere”: “Dal Napoli il 71% dei ricavi del gruppo De Laurentiis. Aurelio De Laurentiis è l’erede di un piccolo impero al crepuscolo. Da quando ha incominciato a lavorare come produttore, nella seconda metà degli anni Settanta, l’industria cinematografica italiana ha continuato a declinare. Oggi il cinema pesa soltanto per il 26 per cento sui ricavi del gruppo De Laurentiis. Un altro 3 per cento è frutto di attività imprenditoriali secondarie. Il flusso principale (71 per cento) arriva dalla Società sportiva calcio Napoli. De Laurentiis ha spostato il baricentro dei suoi affari verso il pallone, convinto che i sostenitori degli azzurri, stimati il quarto gruppo di tifo italiano dopo la trimurti Juventus-Inter-Milan, possano dargli soddisfazioni economiche più grandi degli spettatori del cinema. Dal 2008 al 2010 il club ha guadagnato in totale circa 24 milioni di euro netti. Nello stesso periodo, la controllante Filmauro ha realizzato profitti netti complessivi – Napoli incluso – pari a 25,6 milioni”.

Pochi, troppo pochi evidentemente, per Don Aurelio. E allora via, a rilanciare il Cinepanettone a sfondo gomorresco. Perché tanto il pudore se non ce l’hai non è che lo trovi per caso in mezzo alla strada. Noi però vi facciamo una promessa: lo aspettiamo a Natale prossimo, saremo pazienti. Nè due fritture nè perdoni da prendere. Ma sicuramente non staremo zitti, ci faremo trovare fuori alle sale che lo distribuiranno per dire cosa ne pensiamo.

E allora sì che ci sarà da divertirsi…

Lucilla Parlato

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 5 Maggio 2015 e modificato l'ultima volta il 5 Maggio 2015

Articoli correlati

Cinema | 7 Luglio 2020

AI QUARTIERI SPAGNOLI

“Estate a Corte”, alla fondazione FOQUS la rassegna cinematografica contemporanea

Cinema | 6 Luglio 2020

L’OMAGGIO

Fischiettare il Novecento: l’addio di Ennio Morricone

Cinema | 29 Giugno 2020

OSCAR PREDICTION

Per il 2021 Sophia Loren potrebbe ricevere l’Accademy Awards come miglior attrice

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi