domenica 21 aprile 2019
Logo Identità Insorgenti

EVENTI

Il Jazzit Fest a Pompei: un evento che “accende” la comunità

Attualità | 5 Aprile 2019

Presentato il Jazzit Fest che quest’anno vedrà protagonista la città di Pompei.

Che cos’è il Jazzit Fest

Il Jazzit Fest non è propriamente un festival ma un evento itinerante che ogni anno cambia sede, costruito attorno alla “residenza creativa” di circa trecento musicisti provenienti da tutto il mondo che si danno appuntamento per incontrarsi, esibirsi e trasformano l’evento in un luogo di sperimentazione artistica. Il tutto a titolo di volontariato. In tre giorni, che a Pompei saranno il 28, 29 e 30 giugno, ci saranno oltre 100 concerti, conferenze, seminari , registrazioni discografiche e laboratori di musica per l’infanzia, per i diversamente abili e per la terza età.

La comunità protagonista dell’evento

Ma quello che fa la differenza in questo evento è la partecipazione attiva della comunità che ospita il Jazzit fest. È la comunità che in quante tale è coinvolta in un percorso di “accensione civica”. Gli abitanti si attivano per ospitare nelle proprie case e strutture ricettive i musicisti, si attivano i ristoratori ma anche per la comunicazione dell’evento sono i cittadini stessi e anche i ragazzi delle scuole a fare video e a postare il loro invito a partecipare. Ogni ora “spesa” per la comunità andrà nella “Banca del Tempo” i cui dati saranno poi resi noti dal CNR, partner attivo del Jazzit Fest. Insomma tutti, resi fieri e orgogliosi di essere parte di una grande manifestazione, mettono a disposizione la loro arte, la propria professionalità, lo spazio a disposizione, idee, beni e servizi. Un atto di responsabilità collettiva, in cui ognuno dona quello che può in termini di tempo, voglia e possibilità.

Parte delle donazioni liberali e delle sponsorizzazioni saranno spese per una Ludoteca sociale a Pompei

Da statuto il Jazzit Fest non si finanzia con il contributo dell’amministrazione pubblica locale ma con donazioni , sponsor , merchandising. Per sollecitare filantropia e mecenatismo attorno alla musica, all’arte e alla creatività la cifra raccolta delle donazioni liberali sarà per il 50% devoluta, così come il 20% delle sponsorizzazioni, per una “ludoteca sociale” nella città di Pompei. Il Jazzit Fest prende dalla città in termini di creatività, di entusiasmo e collaborazione ma lascia sul territorio anche un segno tangibile del suo passaggio e di quella accensione civica che ha innescato. Tante le scuole, i B&B, gli hotel, le associazioni, i ragazzi del servizio civile che hanno già espresso la volontà a partecipare. Alcuni hanno già messo a disposizione le camere o le proprie case per i musicisti e tanti i videomessaggi in rete per invitare alla partecipazione e alle donazioni.
Una cultura che tende a fare comunità, che non vuole essere istituzionalizzata, anarchica nel senso migliore del termine.

Il movimento Civitates

Il Jazzit Fest è solo una piccola parte del movimento Civitates, il cui fondatore è il “visionario” (qualcuno lo definisce pazzo) Luciano Vanni.
Civitates vuole risvegliare le risorse umane dormienti. Nella prospettiva di un futuro in cui il tempo libero aumenterà, torna centrale la necessità di educare le persone a interagire, a socializzare ma anche “a diffondere valori quali cultura, fantasia, senso civico, affetto, solidarietà, responsabilità, impegno, sussidiarietà , accoglienza e inclusione” – afferma Vanni. Civitates è un’organizzazione nazionale libera, indipendente e apolitica. Opera attraverso comitati locali che nascono per iniziativa spontanea: un patto civico tra abitanti, amministratori, istituzioni, associazioni, turisti, professionisti, imprenditori del territorio per contribuire al benessere, alla convivenza e alla tutela del patrimonio artistico e ambientale della società in cui vivono.
I comitati Civitates ogni anno devono realizzare quattro iniziative chiave:
1) Il Bilancio partecipato Civitates: un archivio delle buone pratiche che saranno indicizzate per matrice e valore . Ogni buona pratica viene descritta nella maniera più scientifica possibile e sarà trasferita in un data base per le altre comunità che vogliono replicarla;
2) L’evento Civitates: ad esempio il Jazzit Fest di tre giorni
3) Archivio della Memoria Civica: un progetto che nasce per documentare le tradizioni, le storie locali, i mestieri, i sapori… con video interviste realizzate dagli abitanti;
4) Il Turismo culturale di comunità: gli abitanti che trasmettono la propria cultura , storia e tradizioni.
Il progetto Civitates è riconosciuto come asset strategico di [email protected], il progetto pilota Cnr – Mibac.

L’installazione artistica per sensibilizzare sul problema della plastica

Nell’ambito del Jazzit Fest, ci sarà anche un’installazione artistica dell’artista Nello Petrucci per sensibilizzare la comunità sul problema ambientale invitando a usare meno plastica. Lo stesso sindaco, Pietro Amitrano, ha promesso che la città, nei limiti delle proprie possibilità, cercherà di raggiungere l’obiettivo di diventare “plastic free”. Nello Petrucci farà la sua opera davanti all’ingresso di Palazzo De Fusco a Pompei con i rifiuti di plastica che troverà per la strada. Ci saranno delle passeggiate con l’artista il 27 e il 28 aprile dalle 10:30 alle 12:30 e il 18 e il 19 maggio nella stessa fascia oraria per raccogliere la plastica con lui, mentre l’installazione completata sarà visibile dal 28 giugno al 27 luglio proprio davanti all’ingresso della sede del Comune di Pompei.

Susy Martire

Un articolo di Susy Martire pubblicato il 5 Aprile 2019 e modificato l'ultima volta il 5 Aprile 2019

Articoli correlati

Beni Culturali | 15 Aprile 2019

BENI TRASCURATI

Museo Egizio del Sannio: l’ennesima occasione mancata per valorizzare il nostro patrimonio

Altri Sud | 14 Aprile 2019

LA RIFLESSIONE

Le parole a vuoto dei politici italici: solo ieri altri 100 morti di cui 28 bambini

Attualità | 13 Aprile 2019

CENTRO STORICO DI NAPOLI

Incurabili, protestano gli sfrattati: “Dentro si presentano libri, noi sbattuti a Sant’Anastasia. Chiediamo una soluzione dignitosa”

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi