giovedì 12 dicembre 2019
Logo Identità Insorgenti

FESTA A VICO

Pizza a metro ha compiuto mezzo secolo e i grandi chef la celebrano

Agroalimentare | 4 Giugno 2018

I grandi chef d’Italia incontrano la storia della pizza. Festa a Vico celebra i 50 anni di Pizza a Metro – L’Università della Pizza, autentica istituzione del territorio capace di rappresentare a livello mondiale una delle maggiori svolte nel mondo della pizza: l’introduzione di un nuovo modo di preparare l’impasto e di servire il prodotto finale.

Una rivoluzione che, per ironia della sorte, coincide proprio con il ’68.

A spegnere le candeline, insieme alla famiglia Dell’Amura, ossia agli eredi di Gigino, saranno ben 50 chef stellati guidati da Gennarino Esposito, due stelle Michelin della Torre del Saracino di Seiano, per l’eccezionale evento “I Professori all’Univesità” che ieri si sono incontrati proprio nello storico locale di Pizza a Metro, in corso Giovanni Nicotera a Vico Equense.

La serata  si inserisce nell’ambito della sedicesima edizione di Festa a Vico e l’incasso sarà devoluto in beneficenza a favore delle onlus selezionate per questa edizione dagli organizzatori.

Gli chef, tra cui Gennaro Esposito e Antonino Cannavacciuolo, divisi in cinque squadre, hanno preparato piatti stellati per circa 400 persone che avevano preventivamente acquistato il ticket da 150 euro che ha dato diritto anche all’ingresso ad una seconda serata che si svolgerà in estate e che si inquadra sempre nei festeggiamenti per il 50esimo del locale.

A mezzanotte, per la grande festa del mezzo secolo di Pizza a Metro, si sono aperte le porte a tutti gli altri chef che hanno partecipato alla festa nelle strade della città e saranno sfornati 50 metri di pizza con 50 tipi di condimento diverso. A fare gli onori di casa il direttore della struttura, Giovanni Rivieccio, affermato manager del settore wine and food che affianca la famiglia nella gestione aziendale.

Una operazione resa possibile dal maestro pizzaiolo Raimondo Cinque, coordinatore di una brigata di 12 persone e dagli imprenditori che hanno voluto suggellare questa importante data, come Francesco Franzese de La Fiammante: “E’ la festa di un territorio. Pizza a Metro non è un locale qualsiasi. E’ la storia della città di Vico ed è la storia della pizza. Non potevamo mancare a un evento che ricorda innanzitutto la genialità imprenditoriale di Gigino che non solo inventò la pizza a metro ma addirittura riuscì a brevettarla il 4 settembre del ’59. Un prodotto capace di mantenere inalterata, in mezzo secolo di storia, la sua originalità e capacità distintiva. Siamo felici che Pizza a Metro abbia scelto La Fiammante, un’azienda che da sempre promuove il valore socio culturale e, dunque, identitario del cibo, tutelando il lavoro contadino grazie ad accordi diretti e relazioni autentiche con la parte agricola. Persone, famiglie che conosciamo personalmente e che fanno la storia della nostra terra, esattamente come la famiglia Dell’Amura”.

Il ricavato dei biglietti venduti sarà interamente devoluto in beneficenza.

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 4 Giugno 2018 e modificato l'ultima volta il 4 Giugno 2018

Articoli correlati

Agroalimentare | 2 Dicembre 2019

ANNIVERSARI

Pizzaiuoli di Napoli patrimonio Unesco: un calendario di eventi li celebra

Agroalimentare | 7 Novembre 2019

LA SFIDA

14 mastri pasticceri reinterpetano il Raffiolo per l’VIII edizione dei dolci delle feste

Agroalimentare | 29 Ottobre 2019

LA REPLICA

Anche la Kimbo critica Report: “Rifatti i test. Per altri siamo i migliori”

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi