martedì 25 settembre 2018
Logo Identità Insorgenti

FESTA DI SANT’ANNA

Ischia, la denuncia de “Il dispari”: “Solo amici dell’assessore per l’evento del 26 luglio che costa 170mila euro”

Eventi | 9 luglio 2018

Festa di Sant’Anna a Ischia e tradizionale incendio del Castello, quest’anno, nascono tra le polemiche. Le lancia il noto quotidiano dell’Isola, “Il dispari” diretto da Di Meglio. Ecco cosa scrive:

“Se un giudice indaga, invece di trovare i milioni come nel caso di Silvio Berlusconi e altri senatori, ad Ischia troverà un sindaco, Enzo Ferrandino e un consigliere comunale che ha fatto inserire nella festa clou dell’estate tutti i suoi amici artisti. Una sorta di “pagamento” per astenersi dal votare il bilancio, almeno questi sono i fatti che abbiamo vissuto fino ad oggi. Una sorta di “pagamento” e di nomina ad personam che, in qualche modo, mette in imbarazzo l’intera maggioranza del comune di Ischia (sempre che ancora ci sia qualcuno che sappia cosa significa imbarazzo!) che si trova un cast per l’evento del 26 luglio, dal costo di nominale di 21.500 euro, che fanno capo al consigliere comunale auto dichiaratosi indipendente. Una edizione, la numero 86, della festa di Sant’Anna che mette vergogna è dir poco. Ma andiamo per gradi.

Ieri vi ho raccontato come, nonostante il comune di Ischia avesse bandito dei bandi per la partecipazione, questi siano del tutto nulli. Nelle settimana scorse, infatti, l’amministrazione di nascosto, senza atti e nel più totale segreto, ha già deciso chi, come, dove e quando. Saranno sei le barche che gareggeranno nella sera del 26 luglio per un costo di 45mila euro. 7.500 euro cadauna è il costo.

Ve le ricordo: 1. La Canzone napoletana: Dalle origini al ‘700 a cura della Pro Perrone; 2. La Canzone napoletana: ‘800 a cura dell’associazione “VIVERE ISCHIA”; 3. La Canzone napoletana: il primo 900 che sarà realizzata dai procidani dell’Isola dei misteri; 4. La Canzone napoletana: i favolosi anni ‘5O e ’60 che sarà a cura della “Pro Lacco Ameno”; 5. La Canzone napoletana: ricomincio da … la musica degli anni ’70 e ’80 sarà realizzata dalla PIDA e, alla fine, la numero 6. La Canzone napoletana: nuovi accordi e nuove scale … la musica dei giorni nostri” che sarà realizzata dalla Fantasynapoli e Arti e mestieri. Tutto già deciso. Tutto già scritto. Ma oggi ci sono altre, interessanti, notizie che potrebbero servire agli inquirenti se vogliono fare chiarezza. E magari, trovare qualche reato.

Ma prima di vedere il “Cast alla Sorrentino”, è opportuno anche evidenziare un altro interessante aspetto che speriamo venga colto dalla Regione Campania. Il comune di Ischia, per la Festa di Sant’Anna, ha chiesto sponsorizzazione per 112 mila euro ma nel progetto regionale chiede all’Ente di Vincenzo De Luca una sponsorizzazione per 70mila euro. Si, avete letto bene. Il comune di Ischia chiede solo 70 mila euro alla Regione su un progetto da 170mila euro e dice all’ente di Santa Lucia che la sua quota è di 100mila, mentre la parte che spera di aver in finanziamento è, appunto, di altri 70mila. Come mai?

Qualcuno si vuole mettere in saccoccia 70mila euro? Perché non c’è traccia di questi costi extra? E perché il comune di Ischia chiede sponsorizzazioni solo per circa 100 mila euro e non per l’intera cifra del progetto? Stando agli atti, la Regione Campania farebbe bene a valutare la richiesta di Ischia. C’è molta puzza di bruciato!

Ma torniamo al cast. Da poco abbiamo scoperto che Pietro Di Meglio, Cenzino, è diventato maestro. Di cosa? Non lo sappiamo. Forse maestro di “come ti porto il voto a Gigi?” Possibile. Ma guardiamo oltre perché la puzza di bruciato è ancora di più forte.

Se gli inquirenti girano un po’ sul profilo facebook di Antonello Sorrentino, troveranno molti video e molte foto. Tra queste, però, troveranno anche due video in particolari. Uno di Gianfranco D’Angelo e uno di Masciarelli. Due video in cui gli artisti invitano a votare proprio per Antonello Sorrentino. Così come ci sono molte altre foto conviviali in cui Antonello, il consigliere comunale, è in compagnia degli attori che pagheremo. Forse solo 21.500 euro.

Ecco il cast che si legge nel progetto. Maestro Matthew Watkins (quello dei disegni bellissimi sul castello, scelta promossa!), Florenza Calogero (bella voce, già sentita), Marcello Vitale, Davide Scognamiglio, Romolo Bianco (fa parte del cerchio magico del comune), Valerio Sgarra (prende il caffè con Cenzino Di meglio al Calise al Porto), Marina Baumgartner (non so cosa faccia, ma so che su facebook ha come amico Antonello Sorrentino) e poi il filotto del consigliere comunale Antonello: Gianfranco D’Angelo, Sergio Vastano, Stefano Masciarelli e Patrizia Pellegrino (gli ultimi due in tourneè insieme) e Tosca D’Aquino.

Alla faccia del “cast alla sorrentino”: Antonello stende il pokerissimo alla festa di Sant’Anna. E poi ci chiediamo perché Marisa Laurito deve essere liquidata con un semplice messaggino con modi scortesi, con cattiva educazione e senza professionalità?

Questo è lo stile Enzo. Violenza e bugia. Ma alla Regione Campania è importante tenere presente un’altra bugia scritta nella delibera di giunta. Nel punto 10, dove si parta di cronoprogramma dell’idea progettuale, c’è segnato che il comune di Ischia avesse utilizzato il mese di giugno per organizzazione e comunicazione. E’ vero, la prima l’hanno fatta in silenzio e di nascosto, la seconda, invece, è del tutto assente. Non c’è nulla!

Quando valutate questo progetto, cara Regione Campania, spero facciate attenzione a queste bugie evidenti riportate nella richiesta. Ma non vi meravigliate più di tanto, alla fine, Antonello è sempre il cugino della moglie del sindaco. Che volete che faccia. Non si nega a nessuna la nomina di un’ausiliare del traffico, di cinque artisti alla festa di Sant’Anna, un ingegnere interinale all’Evi e, magari, una promozione. L’importante è salire sul carro, votare e alzare la manina in consiglio comunale. E la cosa che fa più rabbia è che oggi, dopo tutto questo, Giovanni Sorrentino merita le nostre, pubbliche, scuse. Giovanni è un gigante della politica rispetto al nipote. Un gigante”.

Articoli correlati

Eventi | 25 settembre 2018

L’EVENTO

San Gennaro Day 2018. Tutte le foto di Angelo Orefice

Eventi | 20 settembre 2018

IL LOCALE

Il primo giorno di Januarius di Francesco Andoli nelle foto di Ferdinando Kaiser

Eventi | 15 settembre 2018

IL MIRACOLO DEL BUON GUSTO

Il 19 settembre apre Januarius, di Francesco Andoli: ristorante, bottega e street food di fronte al Duomo