mercoledì 21 agosto 2019
Logo Identità Insorgenti

FOOTBALL AMERICANO

Briganti Napoli, terzo trionfo con i Grifoni Perugia: si va in semifinale

Sport | 11 Giugno 2019

Briganti vs Grifoni, atto terzo. Ennesimo scontro tra due squadre che avevano imparato a conoscersi, che conoscevano i punti di forza e di debolezza l’una dell’altra. I Briganti sapevano perfettamente che sarebbe stata una partita durissima, contro un avversario forte e temibile, con tanti giocatori forti e agguerriti e soprattutto desiderosi di ottenere la rivincita per i due scontri precedenti vinti dalla squadra dell’head coach Stefano Chitos. Ancora più importante, stavolta la questione non riguardava una “semplice” partita da stagione regolare: stavolta in ballo c’erano i quarti di finale di conference, ormai considerati delle colonne d’Ercole per i partenopei che nei tre anni precedenti non erano mai riusciti a superarli. Mito sfatato: al termine dell’ennesima battaglia tra le due squadre sono stati ancora i Briganti a spuntarla, battendo i rivali per 20-14 e raggiungendo quindi le tanto agognate semifinali.

Sfida tra attacchi nel primo tempo…

La partita però non inizia nel modo più semplice per i Briganti, che al primo drive offensivo di Perugia subiscono un touchdown su passaggio dalla collaudata combinazione Freddini-Ferrini, abile a sfruttare un buon ritorno di kickoff per partire da una buona posizione e piazzare così la stoccata. I padroni di casa non si fanno però intimorire e il quarterback Ausiello suona la carica per i suoi, riuscendo a segnare con una sua corsa. Mentre la difesa dei Briganti chiude le sue maglie e impedisce all’attacco di Perugia di passare, a capovolgere il risultato ci pensa invece il running back Tafuto, che con una corsa delle sue si invola sulla sideline per arrivare direttamente in end zone. Ma questo non basta affatto per domare i Grifoni né tantomeno il loro running back Bartoccioni, che riesce a trovare un varco nella difesa Brigante per riportare i Grifoni in vantaggio sul 14-12. Dove non arrivano le corse arrivano però i passaggi di Ausiello: è un suo lancio recapitato tra le mani del tight end Conti in mezzo a tre difensori a essere decisivo, poiché il #82 riesce a liberarsi degli avversari e a volare anche lui in end zone. Il primo tempo si chiude con qualche altro sussulto dell’attacco perugino, fermato abilmente dai ragazzi del defensive coordinator Vitale Petrella.

…guerra tra le difese nel secondo

Il secondo tempo è una guerra a viso aperto. I Grifoni vanno alla ricerca di una marcatura che capovolgerebbe nuovamente la segnatura, i Briganti cercano di allungare le distanze e di mettere il risultato in cassaforte. Sono però le difese a farla da padroni: quella perugina riesce a contenere bene gli uomini dell’offensive coordinator Amedeo Carpentieri, quella partenopea, conscia del valore degli avversari sempre in grado di rendersi pericolosi, difende la propria end zone con il cuore e con l’anima, riuscendo anche a fermare un primo e goal di Perugia dalle tre yard. Un plauso speciale va senz’altro ai defensive back, con i cornerback Clemente ed Esposito sempre puntuali sui ricevitori avversari e la safety De Martino che con una prodezza salva da solo il risultato da un touchdown praticamente già fatto dalla mai doma coppia Freddini-Ferrini. Anche l’assalto finale viene sventato e il secondo tempo si chiude così com’era iniziato: 20-14 per i Briganti. E le porte delle semifinali si aprono per i partenopei.

Arrembaggio alle semifinali contro i Pirates

Una partita durissima, svolta tra due squadre che volevano vincere a tutti i costi. Una battaglia senza esclusione di colpi, ma che nonostante tutto è stata bella e corretta dall’inizio alla fine, come una partita di football dovrebbe sempre essere. I Briganti hanno vinto, ma ai Grifoni va l’onore di essere una squadra forte e competitiva e che ogni volta ha costretto i partenopei a dare il 150% per vincere. Adesso sul sentiero dei Briganti si stagliano i Pirates Savona, reduci da una vittoria per 17-12 contro i Predatori Golfo del Tigullio, che saranno di scena al Briganti Field domenica 16 giugno. Una sfida tra due squadre che non si sono mai affrontate (anche se c’è un precedente tra Kings Napoli e Pirates che risale a ben trentadue anni fa: vinsero i Kings per 7-6 e come quest’anno era sempre una semifinale di campionato) ma che se la giocheranno a viso aperto con un solo obiettivo: qualificarsi per le finali di conference.

Lorenzo Pierleoni

 

Un articolo di Lorenzo Pierleoni pubblicato il 11 Giugno 2019 e modificato l'ultima volta il 11 Giugno 2019

Articoli correlati

Campania | 26 Giugno 2019

FOOTBALL AMERICANO

I Briganti Napoli sono i campioni del Sud: è Nine Bowl!

Campania | 18 Giugno 2019

FOOTBALL AMERICANO

I Briganti Napoli respingono l’arrembaggio e battono i Pirates Savona: è finale!

Campania | 21 Maggio 2019

FOOTBALL AMERICANO

Briganti Napoli, primo obiettivo raggiunto: è perfect season

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi