fbpx
giovedì 13 agosto 2020
Logo Identità Insorgenti

Bagnoli, salta la monotematica del consiglio comunale. Assenti le opposizioni e 4 consiglieri di maggioranza

Attualità, Politica | 24 Luglio 2017

Salta la seduta monotematica su Bagnoli in Consiglio comunale prevista questa mattina. Le opposizioni, ad eccezione di Andrea Santoro, avevano già annunciato di non voler partecipare alla seduta. Ma il numero legale è saltato perché è rimasto vuoto anche qualche banco della maggioranza: sono risultati assenti Laura Bismuto, Maria Caniglia, Claudio Cecere (tutti di Dema) più Gaetano Troncone (gruppo misto) e i due della “Città”, David Lebro e Vincenzo Solombrino, che però si erano già tirati fuori dalla maggioranza qualche settimana fa. Alla fine solo 20 i presenti e il presidente Sandro Fucito è stato costretto a sciogliere la seduta, mentre un paio di decine di aderenti di “Bagnoli libera” stazionavano comunque con striscioni fuori dalla sede del Consiglio.

In realtà la Bismuto è arrivata con 8 minuti di ritardo, secondo quanto dichiara sulla sua pagina fb : “Sono arrivata con 8 minuti di ritardo. Sono sinceramente e profondamente mortificata e intendo assumermi tutte le mie responsabilità. Non intendo in alcun modo giustificarmi, ma senz’altro la vita non semplice di una madre single e lavoratrice si manifesta anche in queste spiacevoli ed imbarazzanti situazioni.  So che quanto avvenuto presterà il fianco alle opposizioni, al Governo e alla stampa locale per provare ad indebolire l’immagine dell’Amministrazione Comunale, e questo mi fa profondamente rabbia.  Tuttavia non consentirò a nessuno, dico a nessuno, amici e nemici, di strumentalizzare l’episodio per mettere in discussione la mia lealtà, la mia buona fede, ne’ tanto meno la mia appartenenza al progetto politico di Luigi de Magistris. Progetto in cui credo e per cui lavoro incessantemente da sei anni, a cui dedico, quotidianamente e senza parsimonia, tutto il mio tempo, le mie energie, la mia vita. Non sono sull’aventino, e non sono in protesta. Tanto meno sulla vicenda Bagnoli che, a differenza di altri, seguo da sempre e che oggi difendo e rivendico come un grande risultato del Sindaco, della sua Giunta, dei movimenti e della città tutta”.

Idem Maria Caniglia, che si limita a scrivere: “Si rincorrono strane voci su quei pochi minuti di ritardo…che vile strumentalizzazione!”. Non parla invece, almeno al  momento, Claudio Cecere. Nè lo fa Gaetano Troncone, sulla cui pagina l’ultimo post è una foto di due giorni fa. Muti ovviamente Lebro e Solombrino.

Commenta Eduardo Sorge, di Bagnoli Libera, che manifestava fuori al consiglio, sulla pagina della Bismuto: “Con franchezza Laura il problema non sono i tuoi 8 minuti di ritardo ma l’incapacità di un intero consiglio e di una maggioranza che su questa vicenda, non solo oggi, dimostra quanto meno insufficienza. Così come l’intesa non è un risultato dei movimenti, viste le enorme criticità di questa intesa”.

 

 

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 24 Luglio 2017 e modificato l'ultima volta il 24 Luglio 2017

Articoli correlati

Attualità | 12 Agosto 2020

L’ORDINANZA

Campania, Sant’Antonio Abate è zona rossa

Attualità | 7 Agosto 2020

COVID & LOCKDOWN

Desecretati verbali del Comitato Scientifico: “Adottare misure differenziate nelle varie regioni”

Attualità | 26 Luglio 2020

MODELLO LOMBARDO

Se l’indagato è Fontana per Salvini è persecuzione

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi