fbpx
lunedì 30 novembre 2020
Logo Identità Insorgenti

Baretti, centro storico, Gambrinus: le serrande abbassate che addolorano

Attualità | 27 Ottobre 2020

Surreale. Attraversare Napoli ieri pomeriggio, intorno alle 18, mentre si andava alla manifestazione a piazza del Plebiscito per chiedere al governo la possibilità di sopravvivere dignitosamente alle conseguenze del Covid – cosa che accadeva in contemporanea in tutto lo Stivale – è stato uno spettacolo surreale per chiunque.

Soprattutto arrivare al Plebiscito e vedere il Gambrinus già serrato, assediato da camionette della polizia. “Il crollo del fatturato è dell’80% – ha spiegato all’Ansa Antonio Sergio, che insieme con il fratello Arturo ne è il proprietario – di questo passo, entro un paio di mesi rischiamo di dover chiudere. Se continua così, noi non siamo più in grado di continuare”.  Quello che Sergio dipinge è il più drastico degli scenari. “Per la prima volta, da oggi, abbiamo 15 dipendenti in Cassa integrazione, su un personale di 45. Viviamo soprattutto di turismo, ma tra i nostri clienti ci sono anche i napoletani che fanno una passeggiata. Ora per strada non c’è nessuno”.

I baretti  di Chiaia e del Centro deserti

La movida è il dottor Malaussene di quanto accade in tutto il Paese. Banale ed esasperante ripetere che i veri luoghi del contagio sono le fabbriche con i trasporti pubblici. Nessun dato ci è stato proposto su quanto i luoghi della movida, quasi tutti all’aperto, siano la cosa più infestante che c’è. Certo è che il Dpcm ucciderà le identità delle città. I Navigli come, a Napoli, la Chiaia dei Baretti o quella più prolet del centro storico, con analoghe problematiche entrambi. Tutti nella stessa barca, tutti con gli stessi problemi i titolari. Tutti chiedono sostegni economici reali, per tutti le spese restano le stesse e tutti non sanno come pagare luce, acqua, gas, i fitti commerciali e sostenere i propri dipendenti.

Un articolo di Lucilla Parlato pubblicato il 27 Ottobre 2020 e modificato l'ultima volta il 27 Ottobre 2020

Articoli correlati

Attualità | 29 Novembre 2020

MARADONA

Alberto Angela: l’abbraccio greco di Napoli per Diego

Attualità | 28 Novembre 2020

RAPPORTO SVIMEZ

Sud, PIL a picco del 9%. Persi da inizio anno 280mila posti di lavoro

Attualità | 27 Novembre 2020

MONOLOGO DEL VENERDI

De Luca: “Scuole, il governo vuole riaprire il 9 gennaio”

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi