fbpx
sabato 4 aprile 2020
Logo Identità Insorgenti

Caputi (Rete Set): serve un vincolo ope legis per i basoli vesuviani di Napoli

Beni Culturali | 25 Luglio 2019

“A via Brecce a Sant’Erasmo, la ditta lavora speditamente e ha provveduto a rimuovere quasi tutti i basoli in pietra lavica vesuviana. A breve dovrebbe sventrare anche piazza Sant’Erasmo. Questo capolavoro di riqualificazione stradale richiama alla mente – per dirla con Elena Croce – il “patto simile a quello con cui lietamente gli indigeni cedevano preziosi ornamenti in cambio di paccottiglie”. Oggi gli indigeni siamo noi, ancora una volta ingannati e depredati dall’uomo forte di fronte a cui restiamo mansueti. I basoli sono nostri e devono restare nelle nostre strade – anche e soprattutto nelle periferie – non andare a lastricare le ville di qualche ricco possidente! Serve un vincolo ope legis per i basoli di tutta la città” lo denuncia sulla sua pagina fb, corredata da queste immagini, Alessandra Caputi di Rete Set.

Un articolo di Lucilla Parlato pubblicato il 25 Luglio 2019 e modificato l'ultima volta il 25 Luglio 2019

Articoli correlati

Beni Culturali | 29 Marzo 2020

IL BILANCIO

Con il covid i Musei si fanno virtuali: ma le perdite sono ingenti

Beni Culturali | 1 Marzo 2020

DOPO DECENNI

Bacoli, riaprono il Colombario del Fusaro e il sottotetto della Casina

Beni Culturali | 28 Febbraio 2020

AL MANN

Riaperta dopo 30 anni la sezione Preistoria all’Archeologico di Napoli: 1000 mq di esposizione

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi