fbpx
sabato 11 luglio 2020
Logo Identità Insorgenti

Geo&Geo: Salvatore Salvo racconta la pizza napoletana di qualità

Agroalimentare, Identità | 31 Ottobre 2017

Qual è la differenza tra una pizza cattiva e una buona? Tra quella industriale e quella artigianale, realizzata da maestri pizzaioli? Se ne parlerà approfonditamente nel corso della trasmissione di Rai3, Geo&Geo, del 2 novembre (ore 15.50), condotta da Sveva Sagramola ed Emanuele Biggi. In studio ci saranno il giornalista, nonché esperto di enogastronomia, Leonardo Romanelli, e il maestro pizzaiolo Salvatore Salvo della pizzeria “Salvo pizzaioli da 3 generazioni” di San Giorgio a Cremano. Salvatore Salvo spiegherà come si realizza un impasto a regola d’arte, con quali ingredienti, tempi e caratteristiche. Come si governa la lievitazione, che è soggetta alle variazioni climatiche. Naturalmente, anche la bontà della farcitura ha la sua importanza per la riuscita di una pizza eccellente. Prodotti di qualità, spesso di nicchia, stagionali, e a volte trasformati utilizzando le tecniche mutuate dalle cucine dei grandi chef. In studio, il maestro pizzaiolo mostrerà la realizzazione di pizze classiche, come margherita e marinara, anche in una versione più ricercata, per esempio con le alici di Cetara. La Cosacca, realizzata in onore dello zar Nicola I che visitò Napoli nel 1845. E, se in America è diffusa la pizza con l’ananas, i Salvo propongono quella con sei varietà di pomodoro, ognuna trattata con una differente tecnica di cucina. Ci si soffermerà sull’uso e l’abbinamento dei prodotti della tradizione, come le cipolle ramate di Montoro, le papaccelle e il conciato. Una pratica, quella della realizzazione delle Pizze stellate, nate da intuizioni di Francesco e Salvatore Salvo, e poi realizzate in collaborazione con grandi chef, che è iniziata con Salvatore Bianco e che ha dato il via alla creazione di una carta che avvicina sempre di più quella dei Salvo ai menù dei grandi ristoranti italiani.

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 31 Ottobre 2017 e modificato l'ultima volta il 31 Ottobre 2017

Articoli correlati

Agroalimentare | 3 Luglio 2020

ECCELLENZE DALL’IRPINIA

Il pecorino di Carmasciano è Presidio Slow Food, storia e tradizione della Valle d’Ansanto

Agroalimentare | 11 Giugno 2020

APN VS AVPN

E’ pizza war. Scontro tra associazioni sul forno elettrico: “Si rischia di perdere il riconoscimento Unesco”

Agroalimentare | 10 Giugno 2020

LA SVOLTA

La pizza napoletana col forno elettrico è certificata. Decisione storica dell’Associazione Verace Pizza Napoletana

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi