fbpx
giovedì 4 giugno 2020
Logo Identità Insorgenti

I dettagli di Napoli: Il pescatore a Via Caracciolo di Giovanni Panza

| 17 Febbraio 2020

Terzo di sei fratelli, Giovanni Panza è stato uno dei grandi pittori della scuola napoletana che ha attraversato tutto il secolo ventesimo. Nato nel 1894, è stato il nipote di Salvatore e Luca Postiglione, zii di parte materna, figli a loro volta, del pittore Salvatore. Tra gli antenati poteva vantare uno zio pittore di corte, Luigi, mentre l’altro zio, Raffaele, è stato presidente dell’Accademia, Insomma, l’aria dell’arte, Giovanni, l’ha sempre respirata e ha fatto tesoro dell’adagio che gli zii amavano ripetergli quando, il ragazzo, visitava lo studio dei due artisti: L’arte non si insegna ma si impara”. Nel corso della sua lunga vita, ha avuto la fortuna di incontrare il meglio della cultura napoletana, da Libero Bovio ai fratelli De Filippo, da Raffaele Viviani a Ernesto Murolo e tanti altri ancora. Pittore della Napoli che fu, dei luoghi aperti, di bimbi, donne e uomini che andavano a completare le sue vedute, Panza può essere definito, senza dubbio, l’ultimo gigante dell’impressionismo. La sua bravura è fuori discussione, impossibile non fare cenno al fatto che ha iniziato a dipingere utilizzando i pennelli che aveva lasciato lo zio Salvatore, al momento della sua morte. Pittore di una Napoli bella e immortale, ha sempre operato nella zona del Vomero dove ha vissuto tra via Luca Giordano e lo studio del Rione Antignano. Il critico d’arte Piero Girace lo ha descritto come “Bonario, conviviale, incline alle commozioni improvvise ed agli entusiasmi, nel suo volto largo, fra notarile ed episcopale, affiorano le sue emozioni. Non briga. Non partecipa a premi di pittura. E’ un indipendente, fuori delle conventicole, vive della sua arte” anche se un altro pittore, vomerese doc anche lui, Mimmo Piscopo, in un suo scritto del 2016, Personaggi vomeresi, lo ricorda come “Conteso da Associazioni, Circoli, Sedi, Salotti per la sua importante e prestigiosa presenza… Nella simpatica consuetudine d’incontri egli appariva arzillo e ben curato dalla sua veneranda età di novantenne, annunciato dal fresco odore di lavanda – profumo prediletto- , da foulard di seta, un fazzoletto di candida batista nel taschino, e l’immancabile fiore all’occhiello di giallo porporino di fresia o di un modesto, anonimo fiore di campo”, insomma un vero e proprio signore della Napoli bella, colta e solare. L’opera “Il pescatore a Via Caracciolo” riflette tutta la maestria di Panza nel padroneggiare i pennelli e la tavolozza dei colori. L’azzurro del mare ben si sposa con quello del cielo che si trasforma in grigio intenso ma senza mai pesare o facendo perdere di luminosità. Eccellente il contrasto con il muro a mattoni rossi incastonati nei grigi rettangoli delle pietre di piperno ricavate dalla roccia vulcanica del vicino Vesuvio. Il pescatore è lì, seduto su quel muso, con una canna appoggiata vicino alla sua gamba destra mentre con la mano sinistra tiene un bastone scuro che lo aiuterà a camminare e con la destra sembra quasi accarezzarsi la folta barba, imbiancata sotto il peso della grande età. Al suo fianco una piccola cesta dove ci sono gli attrezzi da pesca e il bottino della paziente attesa; di lato una rete lasciata stesa sul muro ad asciugare e, alle sue spalle, una barca a vela solca le acque del golfo con Castel dell’Ovo e Santa Lucia che si lanciano in un abbraccio verso il mare! Quanta poesia in questa tela. Panza, oltre che pittore, è stato, infatti, anche poeta e scrittore.

A cura di Luciano Troiano

Un articolo di Luciano Troiano pubblicato il 17 Febbraio 2020 e modificato l'ultima volta il 17 Febbraio 2020

Articoli correlati

Imprese | 28 Novembre 2019

BUONE NOTIZIE

Riapre “Cartofantasia” al Vomero: grazie al coraggio di una ex dipendente nasce Magiche Magie

Attualità | 13 Giugno 2019

L’INTERVENTO

In V municipalità il consigliere Tagliaferro: “Non più scontato il mio appoggio in maggioranza”

Eventi | 4 Aprile 2019

Torna Napoli Città Libro, al via la seconda edizione

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi