lunedì 18 novembre 2019
Logo Identità Insorgenti

I dettagli di Napoli: la Fontana di Spinacorona o delle Zizze

| 24 Aprile 2019

In via Guacci Nobile, parallela del rettifilo, c’è la chiesa di Santa Caterina della Spina Corona sulla cui parete è addossata l’omonima fontana conosciuta come la Fontana delle Zizze. E’ stato il popolo a ribattezzarla così perché raffigura la sirena Parthenope, colei dalla quale Napoli nacque, mentre spegne le fiamme del Vesuvio grazie all’acqua che sgorga dai seni popolarmente chiamate zizze. La fontana è antica assai: pare risalga al 1100! E’ attribuita allo scultore Giovanni da Nola e, alla fine del ‘400, è stata restaurata per volontà del viceré don Pedro di Toledo, ai lati ci sono ghirlande, stemmi, tra cui quello di Carlo V e la scritta Dum Vesevi Syrena Incendia Mulcet ovvero Mentre la sirena addolcisce l’incendio del Vesuvio. C’è un’altra particolarità da sapere, quella che ammiriamo è una copia degli anni ’20 del secolo scorso, l’originale è custodita nel Museo di San Martino. Parthenope, però, continua sempre a proteggere la città cui ha dato vita.

A cura di Luciano Troiano

Un articolo di Luciano Troiano pubblicato il 24 Aprile 2019 e modificato l'ultima volta il 24 Aprile 2019

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi