martedì 16 luglio 2019
Logo Identità Insorgenti

I dettagli di Napoli: la tomba angioina a San Lorenzo Maggiore

| 26 Aprile 2019

All’interno della Basilica di San Lorenzo Maggiore, nel cuore della Napoli antica, tempio che celebra l’architettura gotica e barocca, testimonianza del potere angioino, c’è il quattrocentesco sepolcro di un uomo che era consigliere del re Ladislao di Durazzo e ammiraglio del Regno. E’ il monumento funebre di Ludovico Aldomorisco, realizzato da Antonio Baboccio da Piperno, artista e scultore che si era già occupato del portale della cattedrale, del sepolcro della regina Margherita di Durazzo e di quello di Antonio Penna in Santa Chiara. L’attribuzione è certa grazie alla firma apposta su quello che è stato il suo ultimo capolavoro “pictor et in omnibus lapidibus atq. metallorum (sic) scultor “. Il monumento è altamente simbolico, è sorretto da quattro uomini, i fratelli di Ludovico: Luigi, Galeotto, Antonio e Perotto che indossano vesti e armi di guerrieri. Ai lati Baboccio ha scolpito la morte del committente e la sua presentazione davanti a Dio da parte della Vergine Maria; sopra, infine, c’è il corpo dell’ammiraglio e un baldacchino.

A cura di Luciano Troiano

Un articolo di Luciano Troiano pubblicato il 26 Aprile 2019 e modificato l'ultima volta il 26 Aprile 2019

Articoli correlati

Grand Tour | 15 Giugno 2019

GRAND TOUR

La Necropoli Ellenistica di Neapolis

News | 13 Aprile 2019

Gli Angeli del Bello: quando civismo e decoro sono contagiosi

News | 27 Febbraio 2019

Il ponteggio della vergogna: San Lorenzo Maggiore occultata da 4 anni dalle impalcature della Soprintendenza

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi