domenica 17 novembre 2019
Logo Identità Insorgenti

I dettagli di Napoli: San Giuseppe dei Vecchi, giacimento di tesori

| 8 Novembre 2019

Nel centro antico, in via Salvatore Tommasi, c’è la chiesa di San Giuseppe dei Vecchi. Si tratta di un luogo di culto monumentale dove riposa anche don Dolindo Ruotolo che ha fatto realizzare una grotta con la statua della Madonna di Lourdes. Nata agli inizi del ‘1600 sorge sul posto dove era stato precedentemente edificato un fabbricato voluto da Francesco Carafa, l’aumento di fedeli ha comportato la necessità di ampliare gli spazi ed ecco che i Chierici Regolari Minori, proprietari del luogo, hanno dato incarico a Cosimo Fanzago di ampliare la chiesa. L’architetto si è messo subito al lavoro ma l’arrivo dell’epidemia di peste, nel 1656, ha bloccato i progetti di sviluppo. Nove anni dopo, però, sull’impeto della ripresa di tutte le attività nel vice reame, i lavori risultano essere stati completati tanto da essere consacrato con l’unzione dell’altare e l’accensione delle candele. Tra il 1705 e il 1710 sono state realizzate la cupola e le volte delle cappelle laterali mentre nel 1727 Francesco Solimena realizza il portale d’ingresso in piperno e nel 1732 è stata restaurata a seguito del terremoto. La chiesa è un vero e proprio giacimento di capolavori dell’arte: gli stucchi del ‘700, gli affreschi che illustrato le scene dell’Antico e Nuovo Testamento e, soprattutto, della vita di San Giuseppe. Nelle cappelle laterali spiccano quelle di San Michele Arcangelo con una tela a olio, sopra l’altare, di Nicola Maria Rossi, giovane allievo del Solimena, mentre nell’altra un pregevole dipinto che raffigurano San Francesco Caracciolo di Antonio Sarnelli, allievo di Paolo De Matteis che, a sua volta, era stato discepolo di Luca Giordano! Numerose anche le sculture intagliate nel legno, arte di cui la capitale vicereale poteva vantare una solida e famosa tradizione. Tra questi si segnalano quelle di S.Anna, l’Ecce Homo, un pregevole crocifisso e due splendidi angeli settecenteschi ai lati dell’altare maggiore.

A cura di Luciano Troiano

 

 

 

Un articolo di Luciano Troiano pubblicato il 8 Novembre 2019 e modificato l'ultima volta il 8 Novembre 2019

Articoli correlati

Grand Tour | 1 Agosto 2019

GRAND TOUR

Il Pio Monte della Misericordia e Le Sette Opere di Misericordia

News | 30 Novembre 2017

Con Napoli Retrò per il restauro della storica fontana del Sebeto

Grand Tour | 2 Novembre 2017

Grand Tour – La Certosa di San Martino

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi