martedì 2 marzo 2021
Logo Identità Insorgenti

I segreti di Neapolis: sulle tracce della Lampadoforia

| 26 Gennaio 2021

Da vico della Pace, antico retaggio della Napoli greca stretto tra via Tribunali e quell’antica biforcazione che diede il nome a Forcella, secondo alcune fonti storiche come Capasso, prendeva il via un agone ginnico chiamato lampadodromia e istituito nel V secolo a.C in onore della sirena Parthenope.

Il vicolo, per lungo tempo conosciuto come Vico Lampadio, confluiva lì dove sorgevano il ginnasio e lo stadio neapolitano, proprio nel punto nel quale gli atleti si riunivano per partecipare alla celebre gara. Il traguardo lambiva il sacro sepolcro alla sirena, luogo peraltro ancora sconosciuto che qualcuno colloca sotto il Castel dell’Ovo, qualche altro a Sant’Aniello a Caponapoli e qualche altro ancora lì dove oggi svetta la basilica di San Giovanni Maggiore.

Antonio Corradini

Un articolo di Antonio Corradini pubblicato il 26 Gennaio 2021 e modificato l'ultima volta il 26 Gennaio 2021