sabato 17 aprile 2021
Logo Identità Insorgenti

Le “mummarelle” e la tomba di Caracciolo: la gallery di Santa Maria della Catena

Beni Culturali | 27 Marzo 2021

La chiesa della Catena, a santa Lucia, venne fondata nel 1576 dagli abitanti del Quartiere.

La leggenda della Catena è di origine palermitana

Il titolo, della catena, ha un’antica origine siciliana. La tradizione rcconta che nel 1390 a Palermo tre innocenti, condannati erroneamente a morte, videro rimandata l’esecuzione della pena a causa di una pioggia battente. Le catene che li imprigionavano nella chiesa di Santa Maria del Porto furono spezzate da un intervento miracoloso della Vergine.

La Chiesa assunse perciò la nuova intitolazione della Catena.

Da Passero a Barrile: tutti gli interventi sull’edificio nel corso dei secoli

Tornando all’edificio napoletano, la struttura cinquecentesca venne rifatta nel XVIII secolo su disegno dell’architetto Carmelo Passero. La decorazione interna a stucco per la cupola venne affidata alle soglie del settecento a Gabriele Barrile che la realizzò con la partecipazione degli ingegneri Cristoforo Schor e Andrea Canale.

La tomba di Caracciolo

Nella chiesa venne sepolto nel 1882 l’ammiraglio Francesco Caracciolo, impiccato nel 1799 per ordine di Orazio Nelson.

La festa della Catena

Al culto del tempio è legata la festa popolare della Catena, durante la quale veniva incendiata sulla spiaggia una barca, attorno alla quale venivano organizzati canti e balli.

La collezione di mummarelle

La chiesa custodisce anche una collezione di mummarelle, i contenitori che servivano agli acquaioli di un tempo per vendere l’acqua suffregna del confinante Chiatamone.

La gallery è di Sergio Valentino

Un articolo di Sergio Valentino pubblicato il 27 Marzo 2021 e modificato l'ultima volta il 27 Marzo 2021

Articoli correlati

Beni Culturali | 13 Aprile 2021

Palazzo Fuga, lettera al Sindaco: “Perduti otto anni. Volevamo farne il museo più grande del mondo”

Beni Culturali | 8 Aprile 2021

Primo giorno ufficiale da Direttore di Pompei per Gabriel Zuchtrieghel

Beni Culturali | 31 Marzo 2021

Gladiatori. Inaugurata in modalità virtuale la grande mostra al MANN