fbpx
venerdì 10 luglio 2020
Logo Identità Insorgenti

L’ultimo gesto magnanimo di Don Carlos prima dell’addio alla sua amata Napoli

| 24 Giugno 2020

Carlo di Borbone fu incontestabilmente una benedizione per Napoli. Oltre ad averla trasformata in una grande capitale, fu nei confronti dei cittadini di un’onestà esemplare: pagò anche di tasca propria la costruzione del passaggio, che dal palazzo reale gli consentiva di raggiungere il palco reale del San Carlo. Lo scoprì Salvatore Di Giacomo in un documento conservato nel Grande Archivio di Napoli. Quando lasciò la città che aveva tanto amato, non portò via nulla, neanche la collezione farnese che gli apparteneva. E il gesto più regale fu quando, proprio prima di imbarcarsi per la Spagna, si accorse di avere al dito un anello rinvenuto durante gli scavi a Pompei. Se lo tolse, lo depose su un tavolo e disse: «Anche questo è patrimonio dello Stato». (da G. Di Fiore, “Napoletanità”).

Maria Franchini

Un articolo di Antonio Corradini pubblicato il 24 Giugno 2020 e modificato l'ultima volta il 24 Giugno 2020

Articoli correlati

Beni Culturali | 31 Marzo 2019

IL BILANCIO

Reggia di Portici: tra innovazione e “rattoppi”, alla ricerca della normalità

News | 15 Settembre 2018

San Giorgio a Cremano: Dai Savoia a Carlo di Borbone, così cambia la Piazza Principale

News | 9 Giugno 2018

Reggia di Portici. Avviata la fase conclusiva del lavoro di Restauro

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi