mercoledì 24 febbraio 2021
Logo Identità Insorgenti

Nuova vita per l’albero troncato: lo scultore Andrea Gandini all’opera in piazza Carità

| 11 Febbraio 2021

Andrea Gandini è nato a Teramo nel 1997 e vive e lavora a Roma da sempre, città nella quale è riuscito a realizzare ben 54 sculture dando nuova vita ai mozzoni di alberi che affollano le nostre città. L’artista abruzzese quest’oggi è stato fotografato a Napoli in piazza Carità, a due passi dalla centralissima Toledo, mentre scolpiva un tronco abbandonato a sé stesso.

Andrea Gandini e le sue attività

“Ho portato avanti il mio lavoro nelle strade italiane e principalmente a Roma – si legge nella sua biografia. Da quando ho iniziato la mia attività creativa vado in giro per l’Italia realizzando lavori su commissione.

Con le mie sculture cerco di ridare dignità ad uno scarto, in qualche modo intagliando un volto o un busto in un tronco gli regalo un identità umana. Il mio intervento diventa una lapide eretta in onore di quello che un tempo era un albero e quindi una forma di vita.

Quando lavoro in strada – continua Andrea Gandini – non chiedo mai autorizzazioni per due motivi: il primo è che ci vorrebbe troppo tempo, il secondo motivo è che se chiedessi i permessi non avrei la stessa libertà espressiva che ho non facendolo.

Durante le mie sessioni di scultura in strada molte delle persone che mi incrociano mi vedono per la prima volta e provano un misto di timore e meraviglia. Immaginate di tornare a casa dopo otto ore di lavoro e vedete una persona seduta a terra che martella un pezzo di legno, solo vincendo la paura e avvicinandovi noterete che c’è un volto sul tronco. L’aspetto performativo è una parte molto importante di quello che faccio anche perchè quando non sono accucciato a lavorare sul tronco è facile non notarlo visto che le sculture sono alte mediamente 70 cm.”

Foto Zena Rotundi

Un articolo di Antonio Corradini pubblicato il 11 Febbraio 2021 e modificato l'ultima volta il 11 Febbraio 2021