mercoledì 21 novembre 2018
Logo Identità Insorgenti

Per la kermesse “I dolci delle feste” arriva lo struffolo bianco di Mario Di Costanzo

Agroalimentare | 5 novembre 2018

Sarà Mario Di Costanzo uno dei protagonisti della settima edizione de “I Dolci delle Feste dei grandi interpreti”, l’evento promosso dal Mulino Caputo in programma il 7 novembre presso l’hotel Mediterraneo a Napoli.

Considerato una delle migliori espressioni della pasticceria napoletana contemporanea, il giovane pastry chef proporrà lo Struffolo Bianco, un’originale reinterpretazione del tradizionale dolce natalizio.

“Ho voluto combinare ancora una volta tradizione e innovazione” ha dichiarato Mario Di Costanzo “Mi ha guidato l’dea di tenere in equilibro cremosità e acidità, croccantezza e morbidezza. Prestando, naturalmente, molta attenzione all’aspetto estetico”.

Lo Struffolo Bianco avrà la forma di un’elegante composizione piramidale a 4 piani: il dolce sarà il risultato dell’inedito connubio tra pan di spagna e struffoli. Elemento basilare dei suoi quattro livelli saranno delle soffici torte farcite con frutta candita, miele, vaniglia e due tipi di crema, una al gusto di cannella e l’altra al gusto di pisto e anice stellato. La superficie delle quattro torte sarà, invece, ricoperta da struffoli preparati seconda la classica ricetta della tradizione napoletana e spruzzati con il miele. La preparazione sarà, infine, completata da una delicata copertura di cioccolato bianco, che conferirà sapore e, soprattutto, una vivace luminosità.

“Dopo il successo della Cassata nera, spero che anche questo nuovo dolce incontri il gradimento del pubblico” si è augurato Mario Di Costanzo “Con i ragazzi del mio laboratorio, stiamo già studiando la sua possibile declinazione nel formato monoporzione e, perché no, anche in quello mignon”.

Lo Struffolo bianco sarà presentato in anteprima in occasione de “I Dolci delle Feste dei grandi interpreti” e, subito dopo, entrerà a far parte della linea dei dolci natalizi della Pasticceria Di Costanzo, in vendita presso lo storico negozio di piazza Cavour.

 

Articoli correlati

Agroalimentare | 15 novembre 2018

CONTRADDIZIONI

De Magistris tra autonomia della città e promozioni di prodotti nordici targati falsamente Napoli

Agroalimentare | 2 novembre 2018

TRADIZIONI ALIMENTARI

La pasta di Gragnano protagonista di Rai Storie: si celebra la Caccavella, il formato più grande, che compie 10 anni

Agroalimentare | 26 ottobre 2018

QUESTIONI DI PIZZA

Se Caserta insegue il primato di Napoli: viaggio nell’identità di un prodotto internazionale made in Partenope