lunedì 20 maggio 2019
Logo Identità Insorgenti

Protesta dei disoccupati al Palazzo delle Arti di Napoli

Battaglie, Lavoro | 16 Maggio 2019

Un gruppo di precari del movimento ‘7 novembre’ ha occupato questa mattina l’androne del Palazzo delle Arti di Napoli, in via dei Mille. I disoccupati hanno anche esposto uno striscione dal balcone del primo piano dell’edificio con la scritta ‘Lavoro stabile, reddito per tutti”. “Chiediamo – dice un portavoce dei manifestanti – che Comune e Regione al più presto organizzino un tavolo di coordinamento per individuare progetti e soluzioni per la nostra vertenza”.

“La nostra lotta per il lavoro va avanti da più di 4 anni, siamo stanchi di aspettare per un #salario vero e dignitoso. Non permetteremo che giochi politici e di palazzo possano interferire con la nostra vertenza. I disoccupati a lavorare a salario pieno! Nessuna #campagnaelettorale sulle nostre spalle! Siamo ancora qui e vogliamo incontrare urgentemente le istituzioni locali che tra promesse di assunzioni e formazione continuano a non rispondere alle richieste della nostra vertenza: siamo stanchi di aspettare!” scrivono sulla pagina del movimento 7 novembre. Poi spiegano che dieci giorni fa hanno chiesto un incontro al comune e sono stati ignorati. Di qui la protesta in uno dei palazzi che fa capo all’amministrazione, appunto, il Pan.

Un articolo di Lucilla Parlato pubblicato il 16 Maggio 2019 e modificato l'ultima volta il 16 Maggio 2019

Articoli correlati

Battaglie | 20 Maggio 2019

BENI ABBANDONATI

Resta chiuso lo storico cimitero di Santa Maria della Fede per lavori di messa in sicurezza

Battaglie | 20 Maggio 2019

LO ZORRO DI PIAZZA DUOMO

“Io sui tetti di Milano. Dietro quella maschera ci sono tutti gli sfruttati”

Altri Sud | 19 Maggio 2019

PATRIMONI UNESCO

Intervista a Sonia Polliere: da Napoli a Oaxaca per salvare le lingue indigene

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi