mercoledì 20 novembre 2019
Logo Identità Insorgenti

Striscioni per Ciro Esposito a Scampia: sabato manifestazione dalla Metro Toledo per chiedere giustizia e verità

Giustizia, Sport | 15 Giugno 2017

Antonella Leardi, presidente e anima dell’associazione Ciro Vive, dedicata al figlio Ciro Esposito, è determinata e non dimentica, non può: “Nostro figlio giaceva sofferente in un letto d’ospedale, mentre fuori la stampa, nei giorni che seguirono il ferimento, dipingeva Ciro e la nostra famiglia con gli stereotipi che ingiustamente vengono attribuiti ai napoletani ed in particolare agli abitanti di Scampia. Fu un lunga traversata nel deserto, in cui Dio ha assistito prima Ciro, accogliendolo tra le Sue braccia, e poi noi, dandoci forza e coraggio”.

Oggi ha lanciato la manifestazione che si svolgerà sabato, alla Metro Toledo, per chiedere giustizia per suo figlio a dieci giorni dal processo di appello (che si svolge il 27 giugno) dove è stato chiesto un corposo sconto di pena per l’assassino del suo ragazzo, quel Daniele De Santis, ultras della Roma di estrema destra, che lo uccise in un giorno di follia, dove Ciro voleva solo difendere i tifosi del Napoli – donne e  bambini – che erano in un autobus assaltatod a De Santis fuori l’Olimpico.

La Leardi stamattina ha lanciato un appello a tutta la città: “Adesso però chiediamo a tutti i napoletani di unirsi a noi per chiedere GIUSTIZIA! Lo facciamo non solo per la famiglia Esposito, per la memoria del nostro amato Ciro e per tutti i tifosi onesti, ma anche per i vostri figli! Mobilitiamoci, insieme, per chiedere giustizia!”.

E a Scampia sono comparsi striscioni che invitano alla partecipazione: appuntamento sabato 17 giugno alle 10 alla Metro Toledo.

 

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 15 Giugno 2017 e modificato l'ultima volta il 15 Giugno 2017

Articoli correlati

Attualità | 16 Novembre 2019

SENTENZA CUCCHI

Alessio Forgione: “Un pensiero per Davide Bifolco, per il quale non ci sarà giustizia”

Giustizia | 29 Gennaio 2019

PROCESSO PER SALVINI

Sul caso Diciotti la parola al Senato. Ma il ministro dell’interno cambia idea e non vuole essere giudicato

Giustizia | 14 Gennaio 2019

NON SOLO BATTISTI

Matteo Messina Danaro e gli altri mafiosi e camorristi latitanti che lo Stato cerca invano

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi