sabato 23 marzo 2019
Logo Identità Insorgenti

Una lettera denuncia: fermate i furti di rame al Leonardo Bianchi, stanno devastando il territorio e quelle buche sono pericolosissime

Ambiente | 9 Luglio 2018
Riceviamo e pubblichiamo
Gentile direttore, sono un’abitante di via Cupa Pozzelle, traversa del Viale U. Maddalena. Affaccio sull’ex ospedale psichiatrico Leonardo Bianchi dove da un po’ di tempo un gruppo di persone ruba il rame che si trova vicino ai fili sotto la pavimentazione dell’ospedale, rompendo la strada. Così hanno devastato la pavimentazione, creando uno scempio visibile dalle nostre case. Tra l’altro spesso bruciano i fili creando un cattivissimo odore e un alone di fumo che arriva nelle nostre abitazioni e che fa malissimo, senza contare il rischio di incendiare tutta la vegetazione incolta che è foltissima, come potete evincere dalle foto che vi invio in allegato. Abbiamo chiamato carabinieri, polizia, pompieri: vengono, cacciano le persone, che poi puntualmente tornano. Ho scritto al sindaco attraverso la sua pagina fb, attraverso il suo blog, attraverso l’indirizzo di posta elettronica, ma nulla. Mio marito due venerdì fa ci ha parlato attraverso la trasmissione radiofonica a Radio Kiss Kiss esponendo il problema. De Magistris rispose che sarebbe intervenuto ma a tutt’oggi nulla. Allora io a nome di tutto il quartiere, ho deciso di scrivere a voi dopo che Mattino e Repubblica hanno ignorato il nostro allarme: siamo terrorizzati che succeda quello che non deve succedere. Un ipotetico incendio sarebbe devastante. E quando arriveranno le piogge queste voragini nella pavimentazione stradale porteranno a conseguenze (e già un tubo dell’acquedotto è stato distrutto, tant’è che sentiamo il rumore dell’acqua scorrere costantemente, con relativo spreco). Potete accogliere questo nostro appello affinché si intervenga quanto prima? Anche perché per una struttura importante e di quelle dimensioni è davvero uno scempio.
Natascia Finale”.

 

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 9 Luglio 2018 e modificato l'ultima volta il 9 Luglio 2018

Articoli correlati

Ambiente | 20 Marzo 2019

L’APPROFONDIMENTO

La canapa per ripulire i terreni inquinati: molti i progetti al sud

Ambiente | 15 Marzo 2019

FRIDAY FOR FUTURE

Anche Napoli in piazza con 182 città dello Stivale. Gallery Maura Messina

Ambiente | 27 Febbraio 2019

LA DENUNCIA

Peacelink: “La nuova Ilva a Taranto inquina più della vecchia”

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi