mercoledì 24 febbraio 2021
Logo Identità Insorgenti

Buio senza fine: Napoli sconfitto 2-1 in casa del Genoa

Genoa-Napoli, l'esultanza dei padroni di casa dopo la seconda rete messa a referto da Goran Pandev
Sport | 6 Febbraio 2021

Laddove non arrivano i limiti del Napoli, ci pensano la mala sorte e un paio di errori marchiani a tranciare la strada degli Azzurri.

A “Marassi”, in casa del Genoa, la squadra di Gattuso cede 2-1, nonostante una prestazione globalmente positiva e senz’altro migliore rispetto alle ultime, recenti uscite.

Quindici minuti di blackout

Complice anche l’assenza per Covid di Koulibaly, Gattuso accantona l’esperimento della difesa a tre e torna al 4-3-3. In attacco c’è Petagna, riposa invece capitan Insigne, sostituito da Politano, con Lozano dirottato a sinistra.

I primi minuti di gioco sono tutti di marca partenopea. Dopo appena cinque giri di lancette, Zielinski e Di Lorenzo hanno già scaldato i guantoni di Perin.

Il Napoli mette le mani sull’incontro, schiaccia il Genoa ma finisce poi col farsi del male da solo. All’11° Maksimovic sbaglia l’appoggio su Demme e innesca l’improvvisa verticalizzazione dei padroni di casa, con Badelj che libera Pandev davanti a Ospina per il più classico dei gol dell’ex.

Due minuti dopo, gli Azzurri potrebbero già pareggiare, ma Perin alza la saracinesca su di un bel tentativo di Lozano.

La serata no del Napoli si confeziona del tutto poco prima della mezz’ora, con una palla contesa al limite dell’area partenopea che si trasforma in un comodo assist di Zajc ancora per Pandev. Il nordmacedone si conferma freddo e letale, regalando al suo Genoa il doppio vantaggio.

Prima dell’intervallo la gara potrebbe nuovamente riaprirsi, ma la traversa ferma un terzo tempo di Petagna su punizione dalla sinistra di Mario Rui.

Il Napoli reagisce, ma non basta

Pur sotto di due reti, il Napoli non esce dalla partita. Gattuso ridisegna la squadra inserendo Insigne e Osimhen per Zielinski e Petagna.

Il predominio tecnico azzurro produce un forcing importante. Le occasioni arrivano, ma la mira fa cilecca.

Osimhen spreca su buon assist di Di Lorenzo, Politano sfiora il palo lungo con un sinistro a giro da fuori area. Insigne colpisce il legno con un bel tiro al volo di destro dall’interno dell’area di rigore, Demme trova uno straordinario Perin sulla sua strada.

Quando gli sforzi sembrano inutili, ancora Politano – tra i più generosi in campo – riapre la partita, finalizzando al termine di una rocambolesca azione d’attacco.

Il disperato assalto finale del Napoli produce ancora una buona chance per Elmas, oltre a un discutibile contatto in area di rigore tra Mario Rui e Scamacca su cui l’arbitro sorvola e la VAR tace.

Ma non c’è più tempo.

Nubi e morale a terra

Il Napoli fatica a mettersi alle spalle il suo periodo buio. Stasera, dopo tante prestazioni ad handicap, la squadra era tornata a esprimersi su standard consoni alla qualità di cui dispone.

Il calcio, però, non perdona. Soprattutto a certi livelli. La lezione, quest’anno, è già stata fin troppo chiara e approfondita.

Antonio Guarino 

Un articolo di Antonio Guarino pubblicato il 6 Febbraio 2021 e modificato l'ultima volta il 8 Febbraio 2021

Articoli correlati

Sport | 21 Febbraio 2021

Il Napoli ne prende 4 dall’Atalanta: a Bergamo, settima sconfitta del 2021

Sport | 18 Febbraio 2021

Depresso e deprimente: il Napoli sconfitto 2-0 a Granada

Sport | 14 Febbraio 2021

La comicità involontaria di Pirlo sulle inesistenti ingiustizie subite dalla Juve