sabato 24 agosto 2019
Logo Identità Insorgenti

GialloNapoletano | Jerace e il risanamento urbanistico di fine ‘800

News | 7 Gennaio 2019

La città di Napoli nella seconda metà dell’800, dopo importanti episodi di colera e dopo varie interrogazioni parlamentari presiedute da Agostino Depetris e promosse dal sindaco Nicola Amore, fu interessata da un enorme progetto di risanamento urbanistico teso a migliorare le condizioni sociali e igienico-sanitarie dei quartieri a ridosso della zona portuale.

Gli interventi più ingenti furono la sistemazione della rete fognaria, l’elettrificazione dell’illuminazione cittadina, lo sventramento dei fondaci nei quartieri che soffrivano di una condizione insalubre, la creazione del cosiddetto Rettifilo (attuale corso Umberto) che avrebbe dovuto dare ampio respiro ai nuovi quartieri appena costruiti (la nuova arteria fu definita da Matilde Serao un “paravento” che nascondeva, dietro i nuovi alti palazzi ottocenteschi, contesti sociali e umani ancora degradati), ma soprattutto il ripristino dell’antico acquedotto del Serino.

Il 10 maggio 1885 fu infatti inaugurato, alla presenza del Re d’Italia, l’acquedotto cittadino. Il ripristino dell’infrastruttura, e quindi la possibilità ai meno abbienti di ricevere acqua corrente direttamente dalla fonte irpina, fu celebrato con l’installazione di una fontana in Piazza Plebiscito.

Questo celebre evento fu raccontato da Francesco Jerace (1853 – 1937) in uno splendido bassorilievo posto sul basamento della scultura dedicata al sindaco promotore del Risanamento, opera dello stesso scultore calabrese di scuola napoletana: l’allegoria dell’acqua del Serino allontana e vince il Colera impersonificato da due figure maligne e malsane.

Oggi il monumento dedicato a Nicola Amore insieme ai suoi bassorilievi si trovano a Piazza Vittoria, lontano dalla piazza che inizialmente la ospitava. L’opera, infatti, durante il ventennio fascista fu spostata da piazza Nicola Amore al corso Umberto affinchè Adolf Hitler non incontrasse ostacoli durante la sua parata nella città partenopea.

Un articolo di Il Vaporetto pubblicato il 7 Gennaio 2019 e modificato l'ultima volta il 7 Gennaio 2019

Articoli correlati

Cultura | 29 Luglio 2019

ARGENTO DI NAPOLI

La Neapolis greca batteva conio quando a Roma si usavano pezzi di rame

NapoliCapitale | 17 Luglio 2019

PATTO PER NAPOLI

22 interventi per il Centro Storico. Si va dagli Incurabili a Palazzo Penne

NapoliCapitale | 15 Luglio 2019

L’EREDITA’ DELL’UNIVERSIADE

Napoli vince la sfida: ora si preservino i 70 impianti ristrutturati

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi