martedì 17 settembre 2019
Logo Identità Insorgenti

GLI SPARI SULLA CITTA’

Dopo Sorbillo, bossoli nelle serrande di Di Matteo altra storica pizzeria di via dei Tribunali

Criminalità | 25 Febbraio 2019

Anche stanotte i vigliacchi hanno agito di notte: alle 3:00 circa, in via dei Tribunali, ignoti hanno esploso colpi d’arma da fuoco contro la pizzeria “Di Matteo”, storico locale della città antica. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della compagnia Napoli-centro e del nucleo radiomobile che hanno riscontrato 4 fori nella serranda del locale e rinvenuto sul selciato 9 bossoli.

La sfida della camorra alla gente per bene del centro storico continua: dopo Sorbillo e Terra mia, ora è toccato a Di Matteo. Evidentemente si vuole colpire il cuore della città e i locali più virtuosi.

La pizzeria Di Matteo è uno dei locali storici più noti della città di Napoli. La fama di questa antica famiglia di pizzaioli è riconosciuta in tutto il mondo, non a caso turisti e stranieri pongono come tappa obbligatoria dei loro viaggi la pizzeria Di Matteo. Riconosciuta soprattutto per la pizza fritta (ma anche per le frittatine, le migliori di Napoli) e le varie fritture in genere la pizzeria Di Matteo si distingue da molte altre proprio per essere al tempo stesso anche una friggitoria.

“Stanotte, nel cuore della nostra città, è accaduto un fatto gravissimo – si legge sulla pagina Fb di Di Matteo – La nostra pizzeria, la PIZZERIA DI MATTEO, uno dei simboli di Napoli è stata presa di mira da alcuni delinquenti. Sono stati esplosi 4 colpi di pistola contro la saracinesca di ingresso. Un gesto VERGOGNOSO, terribile. Un gesto da condannare e da denunciare. Tutta la famiglia è sotto shock per quanto accaduto. Mai, in quasi 100 anni di attività, era accaduta una cosa simile. Ma non ci arrendiamo, anzi, reagiamo con forza. Vogliamo far sentire la nostra voce e urlare a tutti che Napoli non è e non deve essere questa! Oggi, è NECESSARIO che il comune, la regione e lo Stato intervengano sulla questione e prendano una posizione decisa. Chi tocca la Pizzeria Di Matteo tocca un pezzo di storia di Napoli. Noi non molliamo!”

Questo ulteriore gesto vigliacco sta scatenando l’indignazione della città sana. Cosa sta succedendo nel cuore di Napoli?

Quel che è certo è che questo ulteriore attentato conferma che il racket è in piena azione al centro storico. Ed è anche una risposta ai frustrati in cattiva fede che avevano detto tra i denti che la bomba Sorbiello se l’era messa da solo. Vergognosa la cattiveria invidiosa che aleggia in città oltre a un negazionismo che va oltre qualsiasi logica.

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 25 Febbraio 2019 e modificato l'ultima volta il 25 Febbraio 2019

Articoli correlati

Criminalità | 13 Maggio 2019

GRAZIE ALLA VIDEOSORVEGLIANZA

Racket sui cantieri di Porta Capuana. Arrestato il camorrista che chiedeva il pizzo

Attualità | 13 Maggio 2019

PORTA CAPUANA

Il cantiere minacciato dal racket riapre: al lavoro già stamattina

Attualità | 10 Maggio 2019

NIENTE RESA ALLA CAMORRA

Il cantiere di Portacapuana, smontato per minacce della camorra, si rimonta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi