mercoledì 20 febbraio 2019
Logo Identità Insorgenti

GRANDI SCRITTORI

A 96 anni nuovo libro di La Capria: “Il fallimento della consapevolezza”

Libri | 10 Ottobre 2018

“Io sono nato nel 1922 a Napoli, in una città che ha molti volti e che recita sé stessa; dove è ambigua, come in ogni recita, la linea di demarcazione tra vero e falso”.

E’ l’incipit di “Il fallimento della consapevolezza”. Un libro che porta la firma di uno dei più grandi scrittori viventi, quel Raffaele La Capria, recentemente “rievocato” come riferimento fondamentale da un più giovane scrittore,(parliamo di Alessio Forgione nel libro “Napoli Mon Amour”).

E da questo dualismo partenopeo sottolineato da La Capria, prende le mosse questo viaggio a ritroso nel tempo. Con la leggerezza e la lucidità che lo contraddistinguono, La Capria accompagna il lettore alle origini della sua vita di scrittore, rievocando gli anni della formazione, la lotta ingaggiata per emanciparsi dagli stereotipi culturali imposti dalla città, l’insegnamento decisivo di Croce e la scoperta euforizzante di scrittori quali Proust, Musil, Kafka, Joyce, Faulkner, le cui tecniche compositive saranno d’ispirazione per i suoi futuri romanzi, su tutti Ferito a morte.

Analizzando retrospettivamente la sua produzione, La Capria fa dono al lettore delle proprie idee sulla letteratura e sulla sua città, perché Il fallimento della consapevolezza è anche un libro su Napoli: ogni dettaglio che lo compone non fa che rendere saliente il controverso rapporto che lo scrittore intrattiene con la città.

“In tutti i libri che ho scritto” ci ricorda, “c’è sempre questo dissidio, questo ‘poetico litigio’, tra me e la città, e il desiderio di svelarne l’anima nascosta, di ripensarla in modo da renderla presentabile, non con un maquillage superficiale, ma con una riscoperta della sua identità.”

A completare questa raccolta, alcune lettere inedite tornate in possesso dell’autore il giorno del suo novantatreesimo compleanno: le scrisse tra il febbraio e il maggio del ’43, mentre era militare a Caserta, a Peppino Patroni Griffi.

La Capria stesso, nel presentarle, è sorpreso dai sentimenti che a quel tempo lo dominavano. Scopriamo un ragazzo di buona famiglia inerme e ingenuo sopraffatto dalla durezza della vita militare e dal terrore di vedersi abbandonato dall’amico più caro, in un’epoca di grande incertezza, che di lì a poco si sarebbe conclusa con la fine della guerra.

Attraverso la forma del memoriale, La Capria esplora il confine sottile tra verità e trasfigurazione narrativa, e dimostra che anche raccontando personaggi reali ed eventi realmente accaduti uno scrittore puro non può fare a meno di produrre letteratura.

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 10 Ottobre 2018 e modificato l'ultima volta il 10 Ottobre 2018

Articoli correlati

Libri | 14 Gennaio 2019

A BAGNOLI

Storia di lotta e resistenza: arriva all’Ilva “La maledizione dell’acciaio” il libro di Ciccariello

Libri | 24 Dicembre 2018

IL DOCUMENTO

La Pignasecca di 80 anni fa raccontata da Cangiullo. I nostri auguri a un quartiere dal cuore intatto

Attualità | 13 Dicembre 2018

LA RIFLESSIONE

Librerie che chiudono a Napoli: troviamo alternative e continuiamo a leggere

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi