domenica 26 maggio 2019
Logo Identità Insorgenti

I RICONOSCIMENTI

Ecco i 7 Alfieri della Repubblica (del Sud) premiati da Mattarella

Attualità | 23 Febbraio 2019

Ci sono anche i ragazzi del gruppo scout Agesci 2 di Rutigliano, in Puglia tra gli ‘Alfieri della Repubblica’ premiati dal presidente Mattarella. I riconoscimenti – 29 attestati personali e quattro targhe per azioni collettive “ispirate a valori di altruismo e al senso di responsabilità verso il bene comune”, tra cui quella conferita ai giovani di Rutigliano – vengono assegnati a “giovani che si sono distinti come costruttori di comunità, attraverso la loro testimonianza, il loro impegno, le loro azioni coraggiose e solidali”.

In particolare, i ragazzi del reparto Agesci 2 di Rutigliano sono stati premiati – si legge nelle motivazioni diffuse dal Quirinale – per aver realizzato, in seguito ad una uscita presso un ex convento del Seicento, il Convento della Madonna del Palazzo, “un video per sensibilizzare la comunità sul rispetto dell’ambiente e la conservazione del patrimonio storico. In particolare, i giovani hanno dato testimonianza di come sia possibile tenere pulito il sito e come si possano diffondere buone pratiche di smaltimento dei rifiuti”.

Non sono gli unici pugliesi. Tra i premiati c’è Davide Indino, classe 2002, residente a Tricase con la motivazione che “è impegnato nella promozione e nella diffusione dei libri. La lettura, la scrittura, la letteratura sono le sue passioni ed egli stesso ha ricevuto premi e riconoscimenti come autore. Fin dalla scuola media si è speso per organizzare eventi nel suo territorio, coinvolgendo amici, operatori del settore, istituzioni e riconoscendo il valore dei libri come collanti nella vita di comunità.

Ma c’è anche Rebecca Maria Abate, classe 2008, residente a Lucera per l’aiuto che è riuscita a dare a una compagna di scuola con grave disabilità che ha consentito a questa di uscire dal silenzio e di aprire una comunicazione con l’intera classe. Grazie alla sua sensibilità e al suo affetto, è riuscita a interpretare e comprendere i pochi segnali dell’amica, creando in questo modo nella classe un ambiente più aperto e inclusivo, dove la diversità è divenuta occasione di crescita per tutti.

E ancora, Giuseppe Bungaro, classe 2000, residente a Fragagnano perché è una “Giovane eccellenza nella ricerca scientifica, che ha progettato uno stent pericardico capace di ridurre i rischi post-operatori dei pazienti sottoposti ad angioplastica. Dopo che le nuove protesi sono state valutate dagli esperti, si è aggiudicato la medaglia d’oro alle Olimpiadi internazionali dei Progetto scientifici. E’ impegnato in attività di divulgazione per prevenire i rischi cardiovascolari e continua a prepararsi agli studi di cardiologia e cardiochirurgia. E’ vincitore dell’European union contest for young scientists”.

In Calabria Mattarella ha premiato Roman Moryak, classe 2005, residente a Sant’Eufemia d’Aspromonte (Reggio Calabria) che “si è distinto per la passione e l’impegno dimostrati prima nello studio del sassofono, poi nell’attività di calciatore, e quindi in quella di scacchista. Nei tornei di scacchi il suo valore è molto apprezzato e già diversi trofei sono entrati nella sua personale bacheca, oltre a piazzamenti importanti a livello regionale e nazionale. Essendo figlio di immigrati ucraini, nella sua comunità è divenuto un simbolo positivo di integrazione”.

E ancora a Napoli, in Campania,  Anna Balbi, classe 2006. Che “frequenta la scuola in un quartiere impegnativo di Napoli e partecipa attivamente alle attività di carattere sociale e civile. Presta servizio presso la mensa per gli anziani e i poveri, servendo loro il pranzo. Ha preso parte ad operazioni di pulizia dai rifiuti del territorio e della spiaggia, organizzate da Libera e Wwf. Si è distinta dando aiuto ai coetanei in difficoltà e mostrando attenzione alle persone più svantaggiate. Ha svolto attività di tutoraggio per suoi coetanei, descrivendo i possibili rischi provenienti dalla rete”.

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 23 Febbraio 2019 e modificato l'ultima volta il 23 Febbraio 2019

Articoli correlati

Attualità | 26 Maggio 2019

FALSE NARRAZIONI

Cruciani ha ragione e vi spieghiamo perché

Attualità | 25 Maggio 2019

IL CASO

Pistole puntate in aria, momenti di terrore in piazza Dante

Attualità | 25 Maggio 2019

LA REPLICA

I tangheri di Milonga per Caso: “Multa ingiusta. Torneremo a ballare in Galleria”

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi