sabato 15 dicembre 2018
Logo Identità Insorgenti

IL CASO

A Siderno i carabinieri chiedono la lista degli spettatori del film su Cucchi.

Cinema, Repressione | 9 Novembre 2018

Il caso Cucchi riempie ancora la cronaca, ma stavolta per una vicenda che ha risvolti clamorosi. E che riguarda il film su Stefano Cucchi, “Sulla mia pelle” che è stato proiettato nella libreria Mondadori del centro commerciale la Gru di Siderno, in Calabria

A Siderno i carabinieri chiedono la lista degli spettatori

Nei giorni scorsi, a Siderno, in Calabria, i carabinieri sono entrati in una libreria del centro commerciale La Gru che trasmetteva il film “Sulla mia pelle” dedicato alla drammatica vicenda di Stefano Cucchi – morto per abusi delle forze dell’ordine – ed hanno provato a chiedere la lista con i nominativi dei partecipanti alla proiezione. Una notizia che ha in sé un aspetto ridicolo e uno drammatico. 

Alla fine i Carabinieri non hanno ottenuto ciò che volevano, anche perché – come confermato da Roberta Strangio, la titolare della libreria – non esisteva nessuna lista con i nominativi. Però hanno deciso lo stesso di rimanere lì, assistendo alla proiezione e osservando i partecipanti.

Un atto che lascia basiti, specie sommato alle diverse e continue intimidazioni che stanno colpendo Ilaria Cucchi e la sua famiglia e che provengono, anche, da appartenenti alle Forze dell’Ordine.

Il silenzio delle istituzioni e le giustificazioni dei carabinieri

Ovviamente al momento nel silenzio del Ministero della Difesa – e anche di quello dell’Interno.

La notizia è stata data dal quotidiano torinese La Stampa. “Non hanno chiesto i documenti a nessuno – ha detto Roberta Strangio – neanche alle persone uscite prima della fine del dibattito che ha fatto seguito alla proiezione del film”.

Il quotidiano riporta anche una dichiarazione su quanto é accaduto del Comandante del Gruppo di Locri dei carabinieri, colonnello Gabriele De Pascalis. “I carabinieri erano lì – ha detto l’ufficiale – per attività di routine e hanno interloquito con gli organizzatori per sapere se c’era qualcuno delle istituzioni o autorità, in un’ottica di ordine e sicurezza pubblica. A noi non interessa alcun elenco, soprattutto in una manifestazione che non aveva alcun rischio di ordine pubblico. Noi siamo sempre tra la gente e non vogliamo che l’accaduto venga strumentalizzato, specie in una vicenda triste e delicata come quella di Stefano Cucchi”.

Sarà. Ma anche testimoni che erano lì confermano la versione della Strangio.

Il film su Netflix

Ricordiamo però ai carabinieri di Siderno – che hanno assecondato i peggiori stereotipi sui carabinieri – che il film su Cucchi, diretto da Alessandro Cremonini, e con Alessandro Borghi, Jasmine Trinca, Milvia Marigliano, è anche su Netflix. E in Italia gli abbonati al canale streaming sono circa 5 milioni, 130 milioni nel mondo. Che ovviamente vanno moltiplicati per il numero di access che ogni abbonamento consente (da un minimo di due a un massimo di 5). E “Sulla mia pelle”, film imparziale costruito con i fatti e i dialoghi, presi da testimonianze e atti processuali,  determinato a dare una visione chiara del mondo con le immagini e la recitazione (tanto da provocare conseguenze nella realtà con alcune confessioni che probabilmente riapriranno l’intero processo) è stato uno dei film più visti…

Identità Insorgenti

Identità Insorgenti è un giornale on line che rappresenta un collettivo di scrittori, giornalisti, professionisti, artisti uniti dalla volontà di una contronarrazione del Mezzogiorno.

Articoli correlati

Calabria | 25 Novembre 2018

TRADIZIONI IDENTITARIE

In Calabria a Serra San Bruno: le foto degli ultimi carbonai

Attualità | 17 Ottobre 2018

GIUSTIZIA INGIUSTA

Lucano “deportato” da Riace: un colpo al cuore di chi crede all’umanità

Altri Sud | 11 Ottobre 2018

IL RIESAME

Martedì si decide se ridare la libertà a Mimmo Lucano. Come accadrebbe in un Paese civile

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi