martedì 23 ottobre 2018
Logo Identità Insorgenti

IL CROWDFUNDING

Superati i 2500 euro per il murales dedicato alla Ferrante a Rione Luzzatti. Ecco come donare

Attualità, Periferie | 9 luglio 2018

Sono stati superati i 2500 euro per il progetto “I colori del Rione” a Rione Luzzatti, dove una serie di associazioni (noi siamo media partner del progetto come Identità Insorgenti) sta cercando di raccogliere fondi per realizzare un murales in via Giuseppe Buonocore dedicato alla quadrilogia di Elena Ferrante ambientata nel quartiere.

“Il tema dei prossimi decenni sarà il ruolo delle periferie nella nostra società – si legge sul sito di Meridonare, partner dell’evento – In questo contesto negativo di abbandono e di isolamento, le periferie soffrono di una scarsa comunicazione con il centro e sono troppo spesso luoghi lontani dalla bellezza e dalla funzionalità. Sono infatti luoghi “monofunzionali” che servono unicamente da dormitori.
L’idea del progetto I Colori del Rione è quella di trasformare questi aspetti negativi in veri e propri punti di forza.
I Colori del Rione è un progetto di realizzazione di un grande Murales presso il condominio ubicato a Napoli, in Via Giuseppe Buonocore, sulla facciata prospiciente il vialetto privato “Luigi Carbone”.
Un processo di co-creazione di valore che presenta caratteristiche innovative nel modo e nel contenuto in cui esso è costruito proprio per la creazione di una community di soggetti interessati al quartiere. Questa filosofia si ispira all’affermazione “insieme siamo più forti”. Tutti i membri interessati alla rinascita del Rione Luzzatti agiscono sulla piattaforma culturale I Colori Del Rione, ognuno con il proprio talento, in modo tale da costruire un nuovo punto di partenza, aggregatore di energie positive e qualità del territorio.

Sulla scia del Parco Merola, dove nel 2015, una rete di organizzazioni sociali e culturali ha adottato il Parco e i suoi abitanti, convinta che un processo di graduale conquista del bello e del buono possa favorire un destino diverso e positivo, soprattutto per i minori, attraverso il progetto “I Colori del Rione” intendiamo promuovere la rinascita sociale e urbana della periferia napoletana, con l’aiuto degli abitanti delle periferie che partecipano attivamente alla trasformazione dei loro luoghi in attrattori di cultura, attività creative e bellezza.
Vogliamo realizzare un grande murales sulle suggestioni letterarie legate al romanzo di Elena Ferrante , “L’Amica Geniale”.
Una grande opera che potrebbe potenziare l’interesse sul territorio e creare indotto economico per tutti gli esercenti del quartiere.
Nel contenuto, il murales sarà un’ opera armonizzata e contestualizzata al territorio che rispetta le caratteristiche e suggestioni di tutti i residenti.
Sono stati coinvolti, sin dalla fase progettuale, l’Istituto comprensivo Ruggiero Bonghi, con la classe III E e tante realtà associative e non del Rione Luzzatti tra cui Anema e Coop, INWARD e NAStartUP.

Sostenere questo progetto significa dare voce ad un rione, risvegliare una parte della città e offrire opportunità ed energie a tutti.
Significa lanciare messaggi di speranza e bellezza in territori a basso indice di capitale sociale e culturale
La realizzazione di un grande Murales, potrebbe potenziare l’interesse sul territorio e creare indotto economico per tutti gli esercenti del quartiere.

Ogni singolo contributo , piccolo o grande che sia, può risultare decisivo per riportare alla luce il Rione, esaltarne la storia e preparare la strada a un futuro ricco di opportunità per tutti!”.

Qui il link per donare:

https://www.meridonare.it/progetto/i-colori-del-rione

Articoli correlati

Attualità | 19 ottobre 2018

BONUS CULTURA

“Truffe” a Napoli? Titolo fuorviante. La maggior parte dei fondi spesi in libri

Attualità | 19 ottobre 2018

I DATI ISTAT

La statistica che sfata il luogo comune: al Sud guidiamo meglio. Meno incidenti che al Nord. Napoli tra le città virtuose. Ma continuamo a pagare cifre blu

Attualità | 18 ottobre 2018

L’ANNUNCIO

Mimmo Lucano accetta l’invito di de Magistris: “Vengo a Napoli”. E si prepara l’accoglienza