fbpx
domenica 27 settembre 2020
Logo Identità Insorgenti

IL FALLIMENTO

La polizia municipale getta la spugna: piazza Garibaldi e il Vasto fuori controllo

Battaglie | 16 Giugno 2020

Sono passati 16 anni da quando è nato il progetto di riqualificazione a opera dell’architetto Dominique Perrault di piazza Garibaldi. Era il lontano 2004 quando le fondamenta della porta ferroviaria e cittadina di Napoli gettava le basi per quella che sarebbe dovuta essere una completa rivoluzione. Non solo architettonica, ma anche sociale e rigenerativa di un quartiere ed una zona che da troppo tempo attendeva. E che continua, nonostante tutto, a farlo.

Aree verdi, parcheggi, campetti da calcio e basket, giostre per bambini e spazi aperti. I presupposti, nel progetto francese, c’erano tutti. E all’apertura della piazza avvenuta meno di un anno fa sembravano aver trovato un giusto riscontro – nonostante le inaugurazioni a singhiozzi e aree non in sicurezza – con la solidità di una piazza bella e funzionale che aveva riscoperto fuoco e vita nuova. Ma che, inevitabilmente, si è ritrovata arsa e sgretolata nelle sue incertezze e nella sua fragilità.

Oggi, dunque, a meno di un anno dalla riapertura – lo ripetiamo consapevoli della nostra ridondanza -, la piazza nuova cede sotto i colpi dell’abusivismo, della criminalità e dello spaccio. E se non bastavano le continue e ripetute denunce da parte dei cittadini (in prima linea il Comitato Orgoglio Vasto), adesso è la stessa polizia municipale – il cui difficile compito di sorvegliare e salvaguardare la piazza li tiene costantemente impegnati e sul fronte – a ribadire che piazza Garibaldi è diventata una polveriera pronta ad esplodere, e che quel momento si fa sempre più vicino.

La lettera sfogo della Polizia Municipale

Il lunedì mattina è ormai un bollettino di guerra – si legge in una lettera indirizzata al prefetto e al sindaco di Napoli -, il fine settimana è un inferno senza regole. In un quadro già preoccupante, si innesta la polveriera Vasto-Piazza Garibaldi. Un luogo dove allo storico intreccio tra degrado e malavita, oggi si è aggiunta la presenza di immigrati che bivaccano, si ubriacano o sono dediti insieme ai rom alla vendita di materiale recuperato dalla spazzatura. Accoltellamenti sono ormai quotidiani come frequentissime sono le aggressioni subite dagli agenti”.

“Governo e comune fanno finta di niente – continua la nota -, e la polizia municipale resta sola e con poche pattuglie che espongono il personale a inutili e inaccettabili rischi personali, trasformando gli agenti in cuscinetti sociali”.

Le testimonianze della polizia municipale amplificano il problema sociale e di ordine pubblico che sta vivendo piazza Garibaldi. Gli episodi di violenza sono all’ordine del giorno e solo pochi giorni fa due agenti della Municipale sono stati aggrediti e presi a morsi da una donna. Il disinteresse comunale, i cui occhi e le cui orecchie in questi tempi non si sa davvero dove sono rivolti, e l’atavica assenza dello Stato, stanno riducendo i margini di intervento per risollevare la piazza e risolvere edemiche questioni che molto presto si radicheranno nella terra. In quelle stesse fondamenta recentemente ricostruite e oggi di nuovo in procinto di cedere.

Gianluca Corradini

Un articolo di Gianluca Corradini pubblicato il 16 Giugno 2020 e modificato l'ultima volta il 16 Giugno 2020

Articoli correlati

Battaglie | 11 Settembre 2020

IL CORTEO

“Leghista terrone sei lo scuorno del meridione”. In piazza la Napoli anti-Salvini

Battaglie | 20 Luglio 2020

LA PROTESTA

L’ultimatum di Officina delle Culture: “Consegneremo le chiavi al Sindaco”

Battaglie | 20 Luglio 2020

G8 DI GENOVA

Diciannove anni fa Carlo Giuliani moriva durante le proteste No Global

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi