fbpx
domenica 31 maggio 2020
Logo Identità Insorgenti

Il finto caso dei rimborsi di Roma. Del Giudice: “Missione istituzionale, Il Mattino mente, non mi dissocio affatto”

Le Mappinate | 21 Ottobre 2016

MAPPINATEBASE

La partecipazione del Sindaco, insieme ad alcuni assessori alla manifestazione per Bagnoli svoltasi a Roma lo scorso 23 settembre diventa motivo di ennesimo scontro tra l’amministrazione di Napoli e il quotidiano dell’imprenditore con interessi su Bagnoli. Il Mattino titolava infatti ieri con gran scandalo che sindaco, vicesindaco e assessori che sono andati in piazza a Roma contro il commissariamento di Bagnoli avrebbero chiesto i rimborsi di viaggio per una missione istituzionale.

Ieri dunque il comunicato del comune che spiegava che la missione era istituzionale “un evento popolare e cittadino, in difesa delle prerogative costituzionali della Città di Napoli” ripetono da Palazzo San Giacomo “perchè è precisa volontà dell’Amministrazione ritenere le manifestazioni popolari, per temi così importanti, vicende che caratterizzano la vita istituzionale della città”.  Alla fine dell’assemblea una delegazione di cui faceva parte anche l’assessore Piscopo consegnò a Palazzo Chigi il documento ufficiale dei cittadini di Bagnoli. “Ci sforziamo di renderci conto che per alcuni gli incontri istituzionali non sono quelli in cui partecipa anche il popolo… A questo punto offriamo un supporto anche noi per creare una nuova storia che non esiste. Perchè la stessa domanda non viene posta con riferimento ad altri incontri istituzionali, come quello svoltosi 10 giorni dopo quando il Sindaco si è recato, con delegazione, ad un incontro a Palazzo Chigi dal Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio De Vincenti? Il Sindaco quando si reca a Roma per incontri istituzionali si fa rimborsare il biglietto di seconda classe. Questa è un’altra interessante notizia…” scriveva ieri la delegazione ufficiale del Comune di Napoli alla manifestazione popolare del 23 settembre in una nota diramata dall’ufficio stampa (anche Mimmo Annunziata è, secondo il giornale del palazzinaro romano, colpevole di richiesta di rimborso tra l’altro, come se un capo ufficio stampa potesse scegliere poi in quale ruolo partecipare a qualsiasi evento).

Oggi invece il giornale di via Chiatamone fa un titolo ancora peggiore: “Dema al corteo, paga il Comune ma Del Giudice si dissocia” inventandosi di sana pianta un dissenso del vicesindaco e riportando voci di corridoio inesistenti. E’ Del Giudice in persona stavolta a smentire: “Non vi è alcuna dissociazione da parte mia rispetto alle posizioni del Sindaco sulla manifestazione del 23 settembre a Roma per Bagnoli. Quel giorno ho partecipato, da Vicesindaco, alla manifestazione che ha avuto, anche a mio parere, una forte impronta politico-istituzionale. Avevo deciso sin dall’inizio con convinzione di accompagnare i partecipanti all’iniziativa in una logica di democrazia partecipata e di ferma condivisione con la battaglia del Sindaco a nome della città di Napoli su Bagnoli libera dal commissario. Un’azione politica – istituzionale derivante dalla necessità di dare voce ai cittadini, alle istanze del territorio e a battaglie politiche giuste e pacifiche. In merito alla sterile polemica dei rimborsi, la mia posizione è allineata agli altri partecipanti della missione”.

Infine si ricorda sempre da San Giacomo che i tentativi istituzionali di superare l’impasse col governo, fermo restando la nettà contrarietà al commissariamento, sia per sbloccare i fondi del Patto per il Sud, che per altre questioni cruciali come Scampia sono state numerose e antecedenti, sia in occasione dell’incontro tra sindaco e capo dello Stato Sergio Mattarella che per quanto attiene ai vari momenti di partecipazione del primo cittadino all’Assemblea dei Comuni. E che la manifestazione di Roma è stato uno dei momenti istituzionali che si incanalano in questo filone.

Ps: Il titolo del Mappino, alle ore 13 circa è stato cambiato con “Ma Del Giudice rinuncia al rimborso”  e il pezzo continua a non riportare la smentita del vicesindaco.

Ps del Ps: Ore 13.24 finalmente la smentita viene accolta. Il pezzo del dissenso completamente cancellato. Da via Chiatamone è tutto. (si spera, almeno per oggi)

 

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 21 Ottobre 2016 e modificato l'ultima volta il 21 Ottobre 2016

Articoli correlati

Attualità | 5 Settembre 2018

IL FUNERALE DEL BOSS

Cronache dell’ultimo saluto di Mazzarella: e qualcuno fa anche l’inchino su carta stampata

Le Mappinate | 23 Marzo 2017

BUFALE DEL MATTINO

Il presidente della X, Municipalità Civitillo: “Goffo attacco politico. Mai pensato di lasciare Dema”

Le Mappinate | 5 Gennaio 2017

Per il Mappino l’osservatorio meterologico di Napoli fu fondato da Garibaldi nel 1860

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi