fbpx
martedì 24 novembre 2020
Logo Identità Insorgenti

IL MURALE

Nuova opera di Jorit: Nino D’Angelo nel suo quartiere, San Pietro a Patierno

Arte | 14 Settembre 2020

Sarà un murales di Jorit a suggellare, ove mai ce ne fosse bisogno, il legame indissolubile tra Nino D’Angelo e San Pietro a Patierno, il quartiere della periferia a Nord di Napoli in cui il cantante è nato.

Qui infatti, sulla facciata di un edificio di quattro piani vicinissimo alla strada in cui il cantautore ha abitato con la sua famiglia e mosso i primi passi nel mondo della musica, verrà realizzato un dipinto di dodici metri raffigurante in versione iperrealista il volto dell’artista.

È questo l’omaggio che il quartiere a Nord di Napoli intende tributare a D’Angelo il quale non solo non ha mai nascosto le sue origini ma le ha sempre dichiarate con fierezza, portando ovunque nel mondo, assieme alla sua musica, anche il nome di San Pietro a Patierno.

A firmare e realizzare l’opera, i cui lavori hanno preso il via oggi, lo street artist italo-olandese Jorit.

“Il legame con il quartiere di origine e l’orgoglio mai nascosto di appartenere a una comunità spesso dimenticata e bistrattata dalle istituzioni ma storicamente laboriosa, operaia e artigiana, è uno degli aspetti che ho sempre apprezzato di più del percorso artistico di Nino D’Angelo – afferma Jorit -. Per questo, quando mi è stata prospettata l’idea di un murales raffigurante il suo volto a San Pietro a Patierno ho accettato con entusiasmo. D’Angelo è un’icona, un simbolo della cultura popolare di Napoli, ed è bello che un’opera di street art con il suo volto possa contribuire in qualche modo a riqualificare il contesto urbano del quartiere in cui è nato”.

“La gente di San Pietro a Patierno mi ha sempre mostrato grande affetto – spiega Nino D’Angelo –  e questo regalo che mi ha fatto ne è la conferma. Ringrazio tutte le persone del quartiere per una sorpresa bellissima che mi ha anche emozionato e che suggella per sempre il mio rapporto con questa parte di Napoli dove ho iniziato la mia carriera. E ringrazio anche Jorit che ho sempre ammirato per la sua arte e la sua originalità: è un onore per me essere ‘rappresentato’ da lui”.

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 14 Settembre 2020 e modificato l'ultima volta il 14 Settembre 2020

Articoli correlati

Arte | 21 Novembre 2020

ANNIVERSARI

Per i 40 anni dal terremoto, nuovo allestimento di “Terrae Motus” alla Reggia di Caserta

Arte | 13 Novembre 2020

NEAPOLITAN REPUBLIC

Il “panaro solidale” ispira la nuova opera dello street artist napoletano Iabo

Arte | 31 Ottobre 2020

L’INCIDENTE

In vita e in morte di Michele Silenti, giovane artista ucciso da un pirata della strada

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi