fbpx
venerdì 5 giugno 2020
Logo Identità Insorgenti

Il nostro appello ai napoletani: tutti a mangiare da”Terra mia”

News | 18 Gennaio 2019

“Terra mia”, lo sanno bene a Napoli quanto siano colme di contenuti queste due parole; lo sapeva bene anche Pino Daniele che ci costruì una delle più malinconiche ed espressive canzoni della sua immortale carriera. Terra mia è un manifesto partenopeo, un’espressione d’appartenenza e di amore indissolubile che lega ogni figlio di questa città alla sua terra. Ogni napoletano sente possessivamente “suo” questo lembo di tufo bagnato dal vento. Napoli è una, ma appartiene a tutti, soprattutto agli emigranti e a chi in passato ha sofferto, proprio come Mario Granieri, padre di due bambini, titolare della pizzeria “Terra mia” in via Carminiello ai Mannesi a Forcella.

Mario aveva il sogno di aprirsi una pizzeria e l’ha realizzato a Forcella. Il 6 gennaio Mario si reca come ogni mattina alla sua pizzeria e trova la porta crivellata di colpi. La camorra si era fatta viva a modo suo, vomitando piombo avvelenato sui battenti del suo locale. Nei giorni successivi un uomo nascosto da un casco integrale lo minaccia di non denunciare, che se lo avesse fatto sarebbe stato peggio per lui. Mario però non si arrende alla violenza – anche se la moglie vorrebbe andare via da Napoli, terrorizzata da quel vortice di violenza che ha travolto la sua famiglia -, denuncia i suoi aguzzini e invoca la stessa attenzione che i media hanno dedicato a Sorbillo. Il quartiere non se lo lascia ripete due volte: ieri sera il locale di Mario si riempie di gente per bene; arrivano da Forcella ma anche da altre parti della città per fargli sentire il proprio sostegno. Tra i commensali di Terra mia anche il sindaco de Magistris, Alessandra Clemente e il presidente della II Municipalità Francesco Chirico. Mario ha detto no alla camorra, un gesto eroico di questi tempi, e il nostro compito, il compito di tutti quelli che hanno a cuore questa “terra” martoriata, è quello di non lasciarlo solo in questa battaglia.

Un articolo di Antonio Corradini pubblicato il 18 Gennaio 2019 e modificato l'ultima volta il 18 Gennaio 2019

Articoli correlati

NapoliCapitale | 4 Giugno 2020

PUPAZZI VIVENTI

Salvini e l’incontro-passerella con gli artigiani di San Gregorio Armeno

NapoliCapitale | 18 Maggio 2020

IL RACCONTO

San Gregorio Armeno, dal cuore di Napoli un disperato grido d’aiuto

Attualità | 22 Aprile 2020

UNA RISPOSTA A GOLIA

Un volontario: “Rabbia e bugie. Alle signore nel servizio delle Iene abbiamo consegnato pacchi con lo Sgarrupato”

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi