fbpx
giovedì 4 giugno 2020
Logo Identità Insorgenti

IL PUNTO GG

Piccolo Ciro non lasciare mai la tua scopa: fai sempre rumore e resisti

Il Punto GG | 23 Agosto 2017

Sentivi le voci ma non li vedevi e in più quelle voci non erano voci di gente di parola: “Ecco, ci siamo”, “Resisti un altro po’”. Ma quanto è un altro po’? Quanto tempo ancora dovevi restare bloccato nel tuo nascondiglio ? Mattias poi aveva paura, era stanco , era più piccolo. Lo avevi già dovuto abbracciare e mettere sotto al letto con te per non farlo restare sotto le pietre.

Ma possibile che proprio a te era stato riservato l’onore “‘ e fa ll’ommo”? A soli 11 anni? Gente senza parola ma dalla voce vera, una donna e degli uomini ti parlavano senza sosta. Tu lo sapevi perché dicevano quelle piccole bugìe: per tenerti presente, vigile, volevano che tu collaborassi, che non perdessi la speranza. Ma tu non ci pensavi nemmeno a perdere la speranza, tu aspettavi solo che si muovessero, avevi sete, questo si, volevi bere, in fondo mamma e papà stavano fuori, il più piccolo era salvo, pe’ fa l’ommo completamente ora si doveva salvare anche Mattias e poi alla fine dovevi uscire tu. Ma perché proprio a te? In fondo però in mezzo a tutto questo casino, tra tutte queste macerie di cemento e persone, ti veniva spontaneo metterti a pensare per spingere il tempo in avanti e allora pensando pensando capivi che non c’è un’età precisa per cominciare a “fa’ l’ommo”  perché uno può avere pure cinquanta o sessanta o settant’anni e non averlo fatto mai l’Uomo.

Come quelli che ti hanno costruito questa casa che ti ha fatto ingoiare la polvere e che ora ti tiene schiacciato sotto al mondo. Quelli non hanno fatto gli uomini e nemmeno chi gli ha consentito di poter costruire con roba scadente, come non andava fatto. Perché è vero che non sei un esperto ma se è caduto tutto, se tu e tuoi fratelli vi siete trovati con la casa sulle spalle come le tartarughe, tanto bene non l’avevano fatta quella casa , anche se ti possono far vedere mille documenti che dicono che era tutto in regola. Tu e Mattias siete figli allo stesso padre e avete la stessa madre, Pasquale è il vostro fratellino , figlio però di un altro uomo, dell’uomo che vive con voi e che ora è fuori magari a parlare con vostro padre e a piangere con lui. Non scherziamo, Mattias deve salvarsi, per forza, lui è un altro te, se non si salva lui non ti salverai nemmemo tu. Siete stati sempre come una fortezza nella fortezza, un nodo all’interno di un fiocco, il fiocco è bello ma il nodo è nodo. Ecco qua Mattias è uscito, sorridi con l’intonaco sul labbro che ora non pesa, applausi , t’immagini una scena tipo Insigne che segna al San Paolo. Ora resti tu, che ancora ascolti le voci di chi si preoccupa per te e che non sa che non deve preoccuparsi perché tu ora sei solo scocciato e in più vuoi sapere se a Mattias va tutto bene.“Iamme belle” vorresti dire, “iamme belle!. Ora l’ommo l’agge fatto, fatemi uscire.” Ancora parole! Uffà! Ti dicono di bere, ti passano l’acqua , veramente gliel’hai chiesta tu, ti pare che non poi non la bevi? “Metti la mascherina!”. Ok, metti la mascherina basta che finisce questa cosa, ecco ti tirano fuori, la luce, la luce fuori dopo il buio dentro , un buio che ha acceso un piccolo essere nuovo con pensieri nuovi. Ecco, Ciro passa tra la folla, applausi: ora è la Champions!

Ciro con la sua scopa per farsi sentire e trovare , Ciro che abbraccia suo fratello minore e lo porta accanto a lui sotto al letto, Ciro che resiste ore ed ore e che, da Comandante qual è, lascia la nave per ultimo. Piccolo uomo risoluto e intelligente, sappi che il mondo ti offrirà per lo più una vita anonima, trasparente, poco interessante, tu non lasciare mai la tua scopa, fai sempre rumore, resisti!.

Gianfranco Gallo

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 23 Agosto 2017 e modificato l'ultima volta il 23 Agosto 2017

Articoli correlati

Il Punto GG | 26 Agosto 2017

IL PUNTO GG

Forza Vesuvio, dal sangue rosso fuoco, continua a scorrere nelle nostre vene

Il Punto GG | 12 Agosto 2017

IL PUNTO GG

Cara Identità, sarò sincero: non tutti siamo geni (a proposito del Corno di via Caracciolo)

Il Punto GG | 5 Agosto 2017

IL PUNTO GG

Quello che conta nella vita

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi