martedì 23 luglio 2019
Logo Identità Insorgenti

IL SUD CONTA

“Moscerini rossi”: la rivolta contro Salvini di Catanzaro, Napoli e Palermo

Battaglie | 11 Maggio 2019

Non sono ore buone per Salvini al Sud: contestato a Catanzaro, Palermo e Napoli nella sola giornata di ieri.

“In occasione della manifestazione pubblica de il “sud conta” a Napoli contro la proposta di regionalismo avanzata da Veneto, Lombardia ed Emila-Romagna, abbiamo incrociato la visita del ministro dell’interno Matteo Salvini.
Poco prima era stato a Catanzaro, duramente contestato dai catanzaresi” raccontano gli organizzatori del corteo di ieri che, fermatosi poco prima della prefettura per volere delle forze dell’ordine, non ha mancato di far sentire la propria voce al ministro che era a Napoli di passaggio (sarà presente giovedì prossimo per il comitato ordine e sicurezza.

“Salvini in ogni caso ha comunque benpensato di continuare il suo show mediatico anche a Napoli, dove ha indetto una conferenza stampa alla Prefettura per parlare del caso Noemi, la bambina ferita gravemente quasi una settimana fa a Piazza Nazionale in un agguato. A Noemi il ministro Salvini deve dare un futuro, e non sfruttare la sua situazione mediaticamente per la corsa del suo partito alle europee praticata a botte di dichiarazioni e selfie anche su casi così scabrosi. Al suo arrivo gli agenti delle forze dell’ordine hanno blindato Piazza Plebiscito, rendendo impossibile ogni tentativo di legittima contestazione. Da parte nostra però ci siamo fatti sentire, e l’abbiamo costretto ad una fuga dall’ingresso secondario della prefettura. La nostra determinazione è data dal fatto che non vogliamo essere schiacciati dal progetto della lega di regionalismo differenziato, che leva risorse e denaro al sud per trasferirlo nelle casse delle regioni del nord, come già avviene in parte da vari anni.
Senza servizi il sud sarà sempre più abbandonato a se stesso, proprio come voleva la Lega nord agli inizi del suo percorso politico: se non facciamo qualcosa il discorso sarà compiuto. Il sud continuerà ad essere vessato ed umiliato per una classe politica incompetente o connivente con il partito degli “eletti del nord”, presente in tutte le formazioni politiche esitenti nell’arco parlamentare. Siamo fieri di aver contribuito assieme a Palermo e Catanzaro a una bella giornata di riscatto per noi e per il sud. Per noi #ilsudconta”.

Fischi, cori, slogan contro il ministro dell’Interno, in una città tappezzata di cartelloni e striscioni che lo invitano ad andare via. Arrivato a Catanzaro da capo politico della Lega per un comizio elettorale in vista delle prossime europee, Salvini non è stato accolto solo da militanti e simpatizzanti del Carroccio, ma anche da una protesta per nulla simbolica. E che ha infastidito non poco il ministro dell’Interno che sperava nel consueto bagno di folla.

Ecco il video della contestazione in cui ai cori “Odio la lega” e “Buffone” ha replicato chiamando i manifestanti calabresi “moscerini rossi”. E le gallery e i nostri live delle manifestazioni contro il regionalismo differenziato di Palermo e di Napoli.


Video di Giuseppe Battaglia

Un articolo di Lucilla Parlato pubblicato il 11 Maggio 2019 e modificato l'ultima volta il 11 Maggio 2019

Articoli correlati

Altri Sud | 23 Giugno 2019

HONG KONG

Le manifestazioni per il “No Extradition” si fanno sempre più imponenti

Attualità | 17 Giugno 2019

LA POLEMICA

Municipi: no all’accorpamento delle sedi, con meno servizi e più caos

Ambiente | 11 Giugno 2019

L’APPELLO

“No ai mega parcheggi e ai nuovi svincoli della Tangenziale”: il documento di Rete Set

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi