lunedì 16 settembre 2019
Logo Identità Insorgenti

IN ABRUZZO

Grandinata, milioni di euro di danni. Compromesso il raccolto di uva e olive. In 20 all’ospedale

Abruzzo | 11 Luglio 2019

Auto danneggiate, garage allagati, persone ferite, frutteti distrutti, saltata l’elettricità. E’ il bilancio della violenta grandinata, proveniente da nord, che poco dopo le 13 di ieri ha colpito la costa abruzzese.

Pescara sott’acqua

Difficoltà nell’ospedale Civile dello Spirito Santo di Pescara con lo stop alle sale operatorie e acqua nella tromba degli ascensori. Interamente allagato il parcheggio utilizzato dai dipendenti della Asl: solo alle 21 i Vigili del Fuoco hanno finito di pompare all’esterno i due metri di fango che l’avevano invaso. Saltati i collettori davanti l’ospedale e dei colli con intere lastre d’asfalto staccate e trascinate a valle dalla furia dell’acqua. Ben venti le persone sorprese dai chicchi di grandine, con diametro di cinque centimetri, che hanno dovuto far ricorso alle cure dei sanitari. La tempesta, perché di questo si è trattato, era stata preannunciata da forti raffiche di vento e dallo scurirsi del cielo poi ci sono stati dieci minuti di clima impazzito con la grandine che ha fatto sfregio di tetti, abbaini, capannoni industriali, vetrate di abitazioni, automobili e tutto quanto era sulla sua traiettoria. La grande quantità di acqua caduta all’improvviso ha letteralmente allagato la città facendo impazzire il traffico che è tornato alla normalità solo in tarda serata. Alcune famiglie non sono potute rientrare nelle proprie abitazioni, per loro è stata disposta la sistemazione in albergo. L’amministrazione comunale ha immediatamente messo in campo le ditte per ripristinare le condizioni di sicurezza lungo le strade dove si erano aperte delle pericolosissime voragini.

Centralini presi d’assalto

Il sindaco Carlo Masci ha seguito tutte le fasi sul campo mentre il prefetto del capoluogo adriatico, Gerardina Basilicata, ha spiegato che “i centralini delle forze dell’ordine sono stati presi d’assalto e intasati da tantissime chiamate”. Alle 19,30 sono intervenuti i sommozzatori dei Carabinieri per una immersione all’interno di un parcheggio sotterraneo riempito da tre metri di acqua, fango e detriti: a parte le auto distrutte non si è registrata nessuna vittima.

Il maltempo sui social

Facebook ha fatto la parte del leone nella diffusione di immagini e filmati relativi al maltempo. Tra questi: il crollo di numerosi pini a Milano Marittima, il bombardamento della grandine nel porto turistico di Pescara e due auto trascinate dalla corrente dell’acqua che aveva invaso le strade, sempre a Pescara. Fortunatamente illesi i guidatori, per loro solo tanto spavento.

Richiesto lo stato di calamità naturale

La costa abruzzese è stata messa in ginocchio dal maltempo di ieri, da Alba Adriatica, nel Teramano fino a San Salvo, in provincia di Chieti. Il presidente del consiglio regionale dell’Abruzzo, Lorenzo Sospiri, ha dichiarato che “Sono attive già tutte le procedure per chiedere il riconoscimento dello stato di calamità naturale. I sindaci possono già utilizzare il sito della regione per una prima stima dei danni”.

La situazione della riviera adriatica

Anche l’Emilia Romagna fa i conti col temporale. A Milano Marittima (Ravenna), una tromba d’aria ha danneggiato oltre 2.200 alberi, di cui 1.000 nella pineta ora impraticabile: due milioni di euro la prima stima dei danni. Contano i danni anche le Marche con stabilimenti balneari devastati a Numana. Il maltempo ha raggiunto anche il Molise costringendo ad interrompere i collegamenti con le Tremiti.

Uva e olive a rischio

Secondo una prima stima di Coldiretti, che oggi e per tutta la settimana sarà impegnata con verifiche sul campo, ci sono stati danni ingenti alle colture di ortaggi e di frutta in particolare prugne, mandorle, uva e olivi. Quest’ultimo è un settore particolarmente sofferente a causa dell’attacco della mosca olearia che ha compromesso il raccolto dello scorso anno.

Luciano Troiano

Un articolo di Luciano Troiano pubblicato il 11 Luglio 2019 e modificato l'ultima volta il 11 Luglio 2019

Articoli correlati

Abruzzo | 2 Settembre 2019

IN ABRUZZO

La Festa della Rivoluzione, d’Annunzio torna a Pescara con 10 giorni di eventi. Napoli presente con Andrea Scoppetta e Identità Insorgenti

Abruzzo | 23 Giugno 2019

IN ABRUZZO

La notte di San Giovanni, festa del solstizio con riti, miti e musica dal tramonto all’alba

Abruzzo | 28 Maggio 2019

IN ABRUZZO

Amministrative, il centrodestra vince. Pd e grillini gli sconfitti, scompare la sinistra

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi