fbpx
lunedì 23 novembre 2020
Logo Identità Insorgenti

IN CATALOGNA

Oggi le elezioni regionali, di fatto un referendum sull’indipendenza

Altri Sud, Europa, Indipendentismi | 27 Settembre 2015

indipendentisti catalogna

Oggi, domenica 27 settembre, la Catalogna voterà per le elezioni regionali. Cinque milioni di catalani sono chiamati alle urne in un momento storico tra i più decisivi per la lotta verso l’indipendenza.

Difatti, il fronte dei partiti nazionalisti si presenterà unito all’appuntamento, in una coalizione dal nome “Junts pel Sì” (Insieme per il Sì) al quale aderisce anche la CUP, formazione di sinistra che annovera alcuni movimenti separatisti. Infatti, l’attacco separatista è trasversale e si dipana sui due fronti opposti. A destra, Junts pel Se guidato dal presidente uscente Artur Mas,a sinistra ERC, noto per la sua difesa dei principi indipendentisti e il CUP , radicale e anticapitalista.

Nel caso in cui i separatisti vincessero le elezioni e conquistassero la maggioranza dei seggi, il Parlamento regionale catalano potrebbe lavorare ad una dichiarazione unilaterale di indipendenza entro il 2016, bypassando il governo madrileno e i veti costituzionali che ostacolano la secessione consensuale. Raccogliendo le opinioni di alcuni separatisti catalani, tuttavia, la faccenda appare piuttosto complessa.

Intanto, non è affatto scontata la vittoria dei separatisti. Il governo spagnolo ce l’ha messa veramente tutta , in questi anni, a scoraggiare il separatismo, creando un clima di paura e repressione ed arrivando persino a minacciare l’intervento dell’esercito. Nel caso in cui non dovesse vincere la coalizione per il Sì, oltre ad allontanarsi l’obiettivo indipendenza, ci potrebbero essere rappresaglie anche violente ed anni di rivolta, dato il forte e diffuso sentimento indipendentista in Catalogna.

Il mondo intero seguirà, quindi, queste elezioni il cui esito potrebbe veramente cambiare l’assetto geo-politico di una parte importante dell’Europa e, indirettamente, avere ripercussioni fortissime sul mondo intero. Naturalmente, date le nostre inclinazioni separatiste, seguiremo le battaglie della Catalogna anche stavolta, essendo Barcellona per noi un modello. E speriamo che vincano i separatisti e si possa cominciare a segnare, finalmente, un importante precedente per tutti quei popoli che aspirano all’indipendenza

Drusiana Vetrano

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 27 Settembre 2015 e modificato l'ultima volta il 28 Settembre 2015

Articoli correlati

Altri Sud | 1 Novembre 2020

ELEZIONI

In Costa d’Avorio un futuro che somiglia troppo al passato

Altri Sud | 29 Ottobre 2020

CILE

Abolita la Costituzione di Pinochet, ma l’Occidente ignora l’evento

Altri Sud | 28 Ottobre 2020

EQUITA’

La Spagna contro la crisi: no all’austerità e più tasse per i ricchi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi