venerdì 14 maggio 2021
Logo Identità Insorgenti

Iniziativa delle associazioni culturali del Borgo dei Vergini per alzare l’attenzione sulla zona

Ambiente | 3 Marzo 2021

Domenica 7 marzo 2021, alle ore 10,30, le associazioni culturali del Borgo dei Vergini, che curano alcuni tra i più suggestivi siti culturali del territorio, si uniscono per un intervento di decoro autofinanziato sul tratto di attraversamento posto tra piazza Cavour, via Fuori Porta San Gennaro e la Misericordiella.

Le associazioni e l’iniziativa

Abbiamo chiesto alla Dott.ssa Giovanna Moresco, vice presidente dell’Associazione Getta la rete e coordinatrice dell’iniziativa, di spiegarci nel dettaglio il progetto.

“Il tratto di strada in oggetto è spesso lasciato a se stesso. Immondizia, degrado e traffico veicolare senza controlli in un tratto destinata a zona pedonale.
La strada collega una delle antiche porte della città, Porta San Gennaro, al Borgo dei Vergini. Sin dall’età greca, non solo ha costituito l’accesso alla città da nord, ma conduceva verso le necropoli monumentali di età ellenistica, inerpicandosi lungo la collina della Sanità. E’ stato ed è un vero e proprio varco di ingresso ai Vergini, un biglietto da visita per l’intero quartiere.
Le associazioni Celanapoli, Getta la rete, SMMAVE e VerginiSanità sono da tempo impegnate per la valorizzazione, fruizione e divulgazione dei principali siti storici, architettonici e archeologici nel Borgo dei Vergini. Un lavoro costante che ha tra i suoi obiettivi quello di sensibilizzare a una maggiore consapevolezza del territorio e a una rinnovata coscienza civica.”

Una mattinata per la valorizzazione del bello

“E’ facilmente constatabile lo stato di estremo e reiterato degrado in cui versa la zona – ci spiega la Moresco, parlando di come è nata l’iniziativa – Le fioriere poste all’accesso di via Fuori Porta San Gennaro fino alla Misericordiella sono continuamente riempite di rifiuti e materiali di varia natura. Verificata la totale mancanza di controllo e manutenzione delle stesse da parte delle istituzioni preposte, le associazioni dei Vergini si impegnano dicendo no al degrado. Nelle fioriere ripulite, saranno piantati dei fiori, in una mattinata dedicata alla valorizzazione del bello. Le associazioni infatti offriranno dei mini tour gratuiti per piccoli gruppi, all’insegna della cultura e della conoscenza del territorio. Sempre che questo non venga espressamente vietato dalle misure di contrasto al Covid”

Un atto simbolico per ribadire quanto conti la qualità ambientale

Seppur si tratti di un atto simbolico, serve a più scopi. “Ribadiremo che la bellezza e la qualità ambientale sono le chiavi vincenti per portare il quartiere fuori dal degrado e rilanciarlo con una nuova consapevolezza civica – spiega ancora la Moresco – Si tratta di un obiettivo che può essere raggiunto solo incrementando la conoscenza della storia dei luoghi e delle attività che li animano.

L’iniziativa di valorizzazione culturale procederà con una serie di incontri organizzati dalle associazioni promotrici, su piattaforma Zoom (in collaborazione, sinergia, partenariato con enti, associazioni, università, fondazione eccetera) in cui si racconterà la propria storia e la propria attività. Ma anche incontri su arte contemporanea e territorio, archeologia, studi, ricerche, e quant’altro.

Chiunque voglia partecipare all’iniziativa è il benvenuto. Sarà l’occasione per conoscere o riscoprire una parte della città poco conosciuta e per nulla valorizzata.”

Appuntamento domenica 7 marzo alle 10 e 30 in via Fuori Porta San Gennaro

Ci auguriamo che tale iniziativa possa servire a risvegliare un sano senso civico da parte di tutti, e che le istituzioni si prendano più a cuore quei tratti della città che, pur insistendo all’interno del territorio, sembrano condannati a restare esclusi da un più attento e vigile controllo da parte delle istituzioni al quieto vivere e al decoro urbano.

Le associazioni dei siti culturali dei Vergini si incontrano in: “Cura di un luogo – Seminiamo e raccontiamo bellezza” domenica 7 marzo, ore 10,30. L’appuntamento è in via Fuori Porta San Gennaro.

Sergio Valentino

Un articolo di Sergio Valentino pubblicato il 3 Marzo 2021 e modificato l'ultima volta il 4 Marzo 2021

Articoli correlati

Ambiente | 28 Aprile 2021

Baia di Ieranto: nei fondali censite 260 specie marine e 16 specie da proteggere

Ambiente | 21 Aprile 2021

Da Taranto una proposta per risanare e riconvertire i territori inquinati d’Italia per il PNRR

Ambiente | 21 Aprile 2021

Inquinamento ambientale: riflessioni sulle “Terre dei fuochi” d’Italia dopo l’incontro di Acerra