domenica 16 giugno 2019
Logo Identità Insorgenti

INIZIATIVE DISPERATE

Il Pd ricorda Troisi e mette il logo del partito sull’immagine dell’attore

Attualità | 4 Giugno 2019

“Ma siete seri? L’anniversario di Tienanmen, i ballottaggi tra cinque giorni, un presidente del consiglio che fa un discorso imbarazzante al paese, l’Italia diretta verso lo spread a 400 e la comunicazione PD è commemorare Troisi? Tra tutto quello che ci sarebbe da dire commemoriamo Troisi?”. E’ solo uno dei commenti di un elettore del Pd sotto al post comparso stamattina sulla pagina ufficiale del Pd su Facebook che oggi, a 25 anni dalla scomparsa del grande attore e autore partenopeo, ha pensato bene di pubblicare la foto che vedete con tanto di logo del partito a cui, ovviamente, il grande attore non era iscritto. Anche perché il Pd è nato nel 2007 e Troisi, scomparso nel 1994, era  indubbiamente di sinistra e anti-leghista ma mai tesserato con nessuno.

“Troisi non aveva nessuna tessera politica. La sua figura non va accostata a nessun simbolo politico.Non raggiungiamo gli stessi beceri livelli di propaganda della Lega…..vi prego. Muovetevi e costruite un’alternativa. Salvini è già al lavoro” si legge in uno dei commenti degli elettori del pd sotto l’immagine di Massimo. Anzi, a dire il vero, la maggioranza dei commenti vanno in questa direzione.

“Per fortuna Massimo non ha avuto il tempo di vedere gli Iervolini e i Bassolini e i De Luca che hanno stuprato la sua terra.. E per fortuna non ha nemmeno visto la sua faccia in un post del pd! SCANDALOSO! Non sanno piu che inventarsi per fare propaganda” scrivono altri sulla pagina in cui campeggia Zingaretti in copertina.

“Veramente non condivido questo manifesto del mio partito…avrei utilizzato la meraviglia frase ma non la foto del meraviglioso Massimo. Condividiamo il suo modo di essere ma lasciamolo riposare in pace”. E ancora: “Da elettrice PD mi aspetto meno attenzione ai followers e più attenzione alle problematiche di questo Paese. Mi aspetto di vedervi scendere per le strade, non dietro ad una tastiera.

E alla fine il social media manager della pagina ufficiale del Pd non ne può più e rilascia il commento laconico: “Stiamo solo ricordando un grande attore, niente di più”.

E infatti non ci sarebbe nulla di male a ricordare un gigante della nostra storia artistica, se non fosse che questa “memoria”, come potete constatare da soli sia al link che vedendo direttamente l’immagine che abbiamo screenshottato ha una “macchia” rossa bianca e verde. Insomma siamo di fronte a una operazione di sciacallaggio politico senza eguali da parte del Pd che, quanto a comunicazione, è rimasto all’anno zero.

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 4 Giugno 2019 e modificato l'ultima volta il 4 Giugno 2019

Articoli correlati

Attualità | 16 Giugno 2019

RIVIERA DI CHIAIA

Giù le impalcature da palazzo Guevara: ma del monumento allo Scugnizzo in piazza non c’è ancora traccia

Attualità | 13 Giugno 2019

IL COMMENTO

L’avvocato Coppola: “Decreto sicurezza bis, diritti contratti anche allo stadio”

Attualità | 13 Giugno 2019

SCARSA TRASPARENZA

Auricchio sotto accusa. Bismuto: “Occulta carte su tangenziale e parcheggi”

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi